Dal 25 maggio si torna al mare: le 5 misure in Puglia per l’estate


Dal 25 maggio si torna al mare: le 5 misure in Puglia per l'estate





Dal 25 maggio si torna al mare: le 5 misure in Puglia per l’estate. Una distanza minima tra ombrelloni di 3 metri e 3,4 metri per lato, ogni postazione in spiaggia dovrà avere un’area «riservata» di 10,2 metri quadri: così sarà l’estate in Puglia e si potrà andare al mare dal prossimo 25 maggio.

L’esito dell’incontro di ieri pomeriggio è stato positivo e ha messo d’accordo Regione Puglia e associazioni di categoria. Ridotte le distanze rispetto alle linee guida, in realtà molto più severe, dell’Inail, che prevedevano una distanza minima tra ombrelloni di 5 metri.

Spiagge

Non solo le uniche novità, perché l’ordinanza balneare che interessa circa 900 km di costa pugliese indica anche l’obbligo di apertura dal primo luglio, invece che dal primo sabato di giugno; la facoltà per chi non fosse in grado di aprire di presentare domanda di esonero al proprio Comune. Inoltre i  servizi per la balneazione sono riservati esclusivamente alla clientela dello stabilimento per garantire il loro tracciamento e sono previsti attraversamenti per raggiungere il mare e altre aree del lido.





Ombrelloni&Lidi

Dal Gargano al Salento sono 69 i comuni costieri interessati dall’ordinanza che andrà in vigore dal 25 maggio al 1° settembre. Gli ombrelloni e le sdraio occuperanno minimo 10mq di spazio con una distanza tra file di 3 m e tra ombrelloni sulla stessa fila di 3,40 m interscambiabili a seconda della tipologia del lido.

Ci sono ancora altre novità che riguardano i servizi, che potranno essere utilizzati solo dai clienti (docce, spogliatoi, attrezzature)  per effettuare i “censimenti” obbligatori per gli utilizzatori. Tra gli obblighi per i Comuni – in riferimento alle spiagge libere-  si dà la possibilità a questi ultimi, ai fini della sorveglianza, di rivolgersi a volontari e/o ad Enti Pubblici o privati in regime di convenzione. Dal 25 maggio si torna al mare: le nuove misure in Puglia per l’estate 2020 dovranno garantire il contenimento del virus.





Commenta questo articolo

error: Marchiodoc.it ®