Rifiuti, è scontro sulla task force. Di Michele: “Ci stiamo già muovendo”

Rifiuti, è scontro sulla task force. Di Michele: "Ci stiamo già muovendo"

E’ scontro sulla task force sui rifiuti invocata dai consiglieri comunali di Stornarella: il presidente dell’Unione dei Reali Siti, Umberto Di Michele, replica. “Richiedere alla prefettura la costituzione del Nucleo Operativo Ecologico dei carabinieri, quando già le istituzioni si stanno muovendo in tal senso significa screditare un territorio che non è mai inerte e soprattutto rendersi artefici di un’azione di inutile protagonismo”. Il presidente dell’Unione dei Cinque Reali Siti, Umberto Di Michele, è in disaccordo con quanto scritto missiva inviata da alcuni consiglieri d’opposizione del Comune di Stornarella e della stessa Unione, che avevano fatto richiesta all’Ufficio del Governo di costituire un nucleo operativo ambientale di vigilanza coordinato dalla Prefettura di Foggia e finalizzato a prevenire il fenomeno degli sversamenti illeciti, come gli ultimi che hanno riguardato il territorio di Stornara e Stornarella.

L’impegno dei sindaci

“Per quanto possa essere lecita una richiesta d’intervento delle forze dell’ordine – ha aggiunto Di Michele – non è accettabile che i consiglieri screditino il territorio in cui vivono e lo ergano ad “epicentro dello sversamento dei rifiuti di tutta la Capitanata”. La nostra è una terra che vive di agricoltura e che esporta i suoi prodotti (lavorati col sudore della fronte e non certo con attività illecite) in tutto il mondo. A questo si aggiunga che gli stessi consiglieri, presi da questo senso di sensazionalismo, non abbiano neanche tenuto conto che i sindaci dell’Unione si stessero muovendo già da diverso tempo per risolvere quelli che erano sì casi esistenti, ma che di certo non riguardano in maniera “cronica” tutto il territorio dei Cinque Reali Siti”. 



Richiesta infondata

“Qualcuno – ha aggiunto Di Michele – ha dovuto attendere le news di Striscia La Notizia per rendersi conto di una tematica già esistente da tempo, ma che forse non aveva neanche considerato. La stessa risposta che lor signori hanno ricevuto dal Prefetto e che forse hanno preferito non citare, rende idea dell’infondatezza della loro proposta su attività che di fatto le forze istituzionali già rendono al territorio. Fare opposizione significa seguire attivamente la vita politica ed amministrativa, proporre valide alternative e collaborare, cosa che non è accaduta neanche in questo caso. L’Unione dei Cinque Reali Siti in tal senso conferma il grande interesse dimostrato in molteplici occasioni da Prefettura,  Questura, Guardia di Finanza e Arma dei Carabinieri ed auspica che queste campagne di screditamento gratuito del territorio cessino presto, a favore di concrete collaborazioni con chi ogni giorno amministra questo territorio e chi lo difende dai reati”.

Dunque, la poltiica si divide sulla task force sul traffico illecito dei rifiuti: il presidente dell’Unione dei 5 Reali Siti, Umberto Di Michele, non ci sta.



0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x