Paura al Comune: proiettile all’indirizzo del dirigente



È stato ritrovato lunedì mattina, dietro la porta dell’ufficio del dirigente comunale Michele Prencipe del Settore Servizi Tecnici, Lavori Pubblici e Ambiente. Ignoti hanno legato il proiettile ad un elastico attaccandolo al pomello esterno della porta della sua stanza, intorno alle ore 13:00, approfittando della sua assenza temporanea.

I carabinieri, che indagano sull’accaduto, non escludono alcuna pista. Prencipe, arrivato a Cerignola lo scorso agosto, era stato chiamato a sostituire, insieme a Michele Chiumento, i referenti dell’ufficio tecnico comunale dopo il pensionamento dei vecchi dirigenti, che hanno terminato anzitempo la loro attività in regime di quota 100. La scoperta ha creato sorpresa e preoccupazione.



Ignoti hanno infatti legato il proiettile alla porta, approfittando – in quella precisa fascia oraria – dello scarso flusso di dipendenti e di utenti. Hanno quindi operato indisturbati e non sarebbero entrati nemmeno all’interno dell’ufficio, nonostante – si apprende – la porta fosse aperta. Ad impensierire ulteriormente, anche il contesto generale. Come si ricorderà, difatti, il Comune di Cerignola è stato sciolto per mafia lo scorso ottobre, quando il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato il decreto accogliendo la relazione della Prefettura di Foggia e del Ministero dell’Interno, che hanno certificato la sussistenza di condizionamento mafioso nell’attività dell’amministrazione Metta.

I carabinieri indagano a 360 gradi sull’accaduto e al momento non si esclude alcuna pista.   

Michele Cirulli



Seguici e condividi i nostri contenuti
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube

4
Commenta questo articolo

più nuovi più vecchi più votati
Bruno

Possibile una cosa del genere a Michele ? Persona integerrima

Bruno

Gocc

Francesco

È legittimo pensare che tale gesto sia evidentemente riferibile alle infiltrazioni ed i condizionamenti della criminalità sull’attività amministrativa, ed in particolar modo sul settore edile. Se l’intimidazione minatoria fosse stata legata alla vita privata del soccombente, allora probabilmente sarebbe avvenuta presso la sua abitazione.

Lasciate ogni speranza voi che entrate

Atto intimidatorio di qualche mafioso che ora non mangia più come mangiava prima!!!