Match point per maggioranza o opposizione: lunedì il giorno della verità . Trattative frenetiche

Seduta deserta, solo l’opposizione presente in aula nonostante i post social dei consiglieri di maggioranza che hanno predicato coraggio: la logica dei numeri ha prevalso sugli auspici di Frisani, Pezzano, Moccia ed Erinnio e la maggioranza è rimasta nella stanza del sindaco per una riunione lampo e per cercare di ricompattarsi.

Rinviato a lunedì, quando basteranno 10 uomini per incassare voto favorevole sugli equilibri di bilancio. L’atto però è spinoso dopo che il collegio dei revisori dei conti ha apposto parere sfavorevole e in un eventuale giudizio della Corte dei Conti i consiglieri comunali potrebbero essere chiamati a risponderne personalmente e patrimonialmente per centinaia di migliaia di euro. Ed è per questo che in più di uno, in maggioranza, si defila.

Da una parte l’aumento della TARI che sta mandando in tilt i cerignolani (2017: +19%; 2018: +36%; 2019: ancora altra stangata), città  sporchissima e SIA sull’orlo del tracollo con la richiesta di concordato preventivo che deve ancora essere accettata (i tempi si prevedono lunghi e non è automatico che la richiesta venga accolta).

Per questo gli animi sono tesi e si gioca sui numeri. La maggioranza oggi è composta da 14 membri, l’opposizione da 11. Forza Italia e PD voteranno contro, ma nella maggioranza potrebbero venir meno dai 5 ai 3 consiglieri e, se dovessero essere confermate almeno tre defezioni – e l’opposizione si presenterà  unita e compatta – sarà  scritta la parola fine sulla amministrazione Metta.

Nel mezzo vi sono due giorni di trattative intense. Già  stamattina il sindaco Metta ha riunito i suoi in un incontro molto frizzante, con urla così forti da essere percepite distintamente anche al di fuori della stanza (perfino qualche insulto alle forze dell’ordine, ascoltato nella sala d’aspetto da alcuni carabinieri).

Sia la maggioranza che l’opposizione stanno cercando di compattarsi. Mancherebbe l’undicesimo uomo in entrambi gli schieramenti (Rendine all’estero, ma non è escluso che possa far ritorno) e per Metta c’è da convincere uno tra Specchio, Lepore, Ciani e Novelli. è una corsa contro il tempo e non si escludono capovolgimenti di fronte improvvisi. Lunedì sarà  dentro o fuori. Un match point per maggioranza e opposizione.

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x