Giallo sul furto di 2 “”uffici”” del centro di raccolta rifiuti: indagano i carabinieri

è giallo sul furto di due uffici del Centro Comunale di Raccolta del comune di Cerignola ubicato in zona industriale, proprio a due passi dall’interporto. Ignoti, tra metà  dicembre ed inizio gennaio, hanno asportato due container dalla zona recintata consegnata a SIA srl e che serve per raccogliere i rifiuti differenziati.

Solamente martedì mattina, però, l’amministratore della partecipata, Nicola Iungo, si è recato al comando dei carabinieri per presentare regolare denuncia scritta. è mistero, inoltre, anche sulla tecnica utilizzata dai malviventi per rubare due grossi container, ed al momento gli inquirenti sono portati a pensare che per rubare i “”due uffici”” ci sia stato bisogno almeno di una gru. Pratica tra l’altro già  collaudata con i ripetuti furti al vicino centro intermodale, dove fino ad oggi è stato rubato praticamente di tutto, quadri elettrici compresi.
Secondo prime ricostruzioni, il danno ammonterebbe ad oltre 35 mila euro: un container rappresentava l’ufficio del Centro Comunale di Raccolta – dove erano presenti impianti di videosorveglianza, pc, arredi, condizionatori – mentre l’altro era adibito a spogliatoio con tanto di sanitari e bagni. Nei primi giorni del 2018, però, non si sa come, i due container sono spariti nel nulla destando scalpore in SIA srl. Il Centro Comunale di Raccolta, tra l’altro mai effettivamente messo in esercizio, fu inaugurato sul finire del 2015 quando la Regione stanziò dei finanziamenti ad hoc (per Cerignola circa 250 mila euro): dopo il taglio del nastro, però, non è mai entrato in funzione.
Piuttosto, il CCR ad ottobre scorso è stato utilizzato come centro temporaneo di stoccaggio per smaltire l’emergenza rifiuti quando gli impianti di Foggia furono palesemente assaltati dai compattatori di mezza Capitanata. Per alleggerire il flusso, quindi, il presidente del consorzio Fg4 Franco Metta ordinò che nella struttura fossero depositati i rifiuti evitando l’abbandono per strada. Ma della mission originaria del CCR, ossia accogliere la differenziata, non è rimasto nulla.
Tanto più ora, che ignoti hanno rubato interi prefabbricati dell’impianto pubblico. La storia del Centro Comunale di Raccolta iniziò già  con qualche intoppo a causa della locazione scelta: originariamente la struttura sarebbe dovuta sorgere proprio nei terreni adiacenti all’ex parrocchia di San Trifone, nel quartiere Fornaci, ma i residenti si opposero e – complice anche il clima da campagna elettorale- nel 2015 si pensò ad una nuova sistemazione lontana dal centro urbano. Dove però i controlli si fanno meno stringenti.
Così in piena zona industriale, tra metà  dicembre e inizio gennaio, ignoti hanno potuto indisturbatamente rubare due enormi container adibiti a ufficio: la denuncia scritta dell’amministratore di SIA srl, Nicola Iungo, è arrivata in queste ore. Sul caso indagano i carabinieri della compagnia di Cerignola, che si concentrano sul periodo tra metà  dicembre e inizio gennaio.

Michele Cirullida La Gazzetta del Mezzogiorno del 27/01

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x