Colucci incanta col Pordenone: “”Non dimentico da dove vengo: grazie Cerignola””

La storica impresa del Pordenone di Leo Colucci, che ha portato la capolista Inter ai calci di rigore sfiorando la vittoria, ha portato alla ribalta il mister cerignolano, simbolo della favola dei ramarri e della rinascita del calcio. Tantissime le attestazioni di stima, alle quali Colucci ha risposto con un post su Facebook.

“”Volevo ringraziare tutti coloro che mi hanno fatto i complimenti..vi ringrazio di cuore. Fiero ed orgoglioso di aver indossato la maglia della mia città â€¦ Leo non dimentica da dove è partito. Grazie Cerignola!!!””, è il messaggio dell’ex calciatore di Verona e Bologna.

L’impresa del Pordenone ha scatenato un dibattito sportivo sulla possibile nuova formula della Coppa Italia, dove anche le piccole potrebbero sfidare le grandi squadre della serie A, per ripetere lo spettacolo di San Siro e rilanciare il calcio italiano. Il Fatto Quotidiano, attraverso una riflessione di Lorenzo Vendemiale, lancia la provocazione: “”Immaginate la Roma sul campo dell’Audace Cerignola, davanti a 5mila tifosi incandescenti, oppure le riserve del Napoli in una notte d’inverno del profondo nord di Caronno: in questo modo tutto il Paese aspetterebbe l’arrivo della Coppa Italia”” .

Commenta questo articolo

error: Marchiodoc.it ®