Agrario, Marro: “”Dopo il danno anche la beffa””

“”Che c…o dovete imparare a sta scuola agraria che vi servono 22 ettari di terreno, non potete imparare le stesse cose su 20 ettari?””. Così il sindaco Franco Metta, domenica scorsa durante un comizio, a proposito delle alienazioni dei suoli dell’Agrario “”Giuseppe Pavoncelli””. E si ignora tutt’ora il tradimento culturale alla città , che sarebbe stato evitabilissimo con lo stesso risultato in termini pratici””.

Così Arcangelo Marro di Fratelli di Italia.
“”Supermarket e palasport altrove non sarebbero stati utopia, eppure ci si fa anche beffa della scuola danneggiata. E lo fa dopo mesi di critiche del mondo della scuola, dell’università , delle associazioni sindacali e che hanno avuto grande rilevanza nazionale con interrogazioni alla Camera dei deputati e al Senato per la difesa dello storico istituto””.
TRADIMENTO ALLA RICERCA SCIENTIFICA A CERIGNOLA | Si progetta un nuovo palazzetto dello sport sui terreni del Pavoncelli, e, per la sua realizzazione, si vende un oliveto sperimentale, campo studio e ricerca dello stesso istituto. Parlavamo di tradimento alla città , alla sua storia, alle sue vocazioni ed alla sua cultura, oggi aggiungiamo: è un tradimento anche alla ricerca scientifica. Di queste ore, i risultati della ricerca della scuola in rete con l’Università  di Bari e aziende leader del settore (come Bayer, Choncimer e Agromillora), condotti sull’oliveto da destinare a nuovi supermercati.SàŒ A SUPERMARKET E PALASPORT, MA NON A SPESE DELLA SCUOLA | “”Signori io porto a Cerignola 3 milioni di lavori – afferma il sindaco – faccio una permuta, do un pezzo di terra a una persona che mi realizza un nuovo palazzetto. Io in cambio gli do 2 ettari per fare un investimento di tipo commerciale. Creo lavoro. Che cosa ci abbiamo rimesso?””. Ci abbiamo rimesso tanto. Se le Università , le aziende leader del settore collaborano con il “”Pavoncelli””, se il 17 novembre nell’Auditorium intitolato alla benefattrice Marianna Manfredi erano presenti scuole e imprese di Puglia, Molise e Abruzzi, significa che il “”Pavoncelli”” è un centro nevralgico per la ricerca in campo agricolo. E se si premiano supermercati a svantaggio della scuola ci abbiamo rimesso ancora tanto in termini di educazione, istruzione e formazione.Se la nostra economia non decolla è perchà© non crediamo nella nostra prima vocazione che resta agricola e agroalimentare.

IL SINDACO DIMENTICA CHE… | E quel benedetto supermercato avrebbe potuto avere diversa ubicazione. E il sindaco lo sa. Come anche il palasport: c’era già  il progetto pronto. E anche questo sa il sindaco, che fin qui ha aperto cassetti e trovato progetti, tagliando nastri qui e là  di progettualità  precedenti, di cui si trova ad essere semplice continuatore.

DUE ETTARI DI BUON SENSO | Togliendo quei 2 ettari all’Agrario, ci abbiamo rimesso il senso della cosa pubblica e il rispetto della Legge. Per legge il Pavoncelli rientra nelle competenze della Provincia ai sensi dell’art.139 del D.Lgs 112/98. E sempre per legge un bando di gara può prevedere, a titolo di corrispettivo, beni immobili di proprietà  dell’amministrazione aggiudicatrice, purchà© non assolvano più funzioni di pubblico interesse (ai sensi dell’art.191 del D.Lgs 57/2017). Ma il bene che Metta vuole permutare assolve pienamente alla funzione di pubblico interesse, in quanto parte dell’azienda agraria annessa all’istituto.

IN ATTESA DEL TAR | Restiamo in attesa dell’esito del ricorso al Tribunale amministrativo della Puglia, presentato dall’associazione Apulia Mater per l’annullamento della delibera di Consiglio comunale n. 55 del 25 luglio 2017, e di ogni altro atto correlato.Eppure sarebbe bastato che l’amministrazione provinciale avesse esercitato le sue prerogative, in considerazione che per effetto della Legge 23/96 le scuole superiori e i loro beni fanno parte del patrimonio della Provincia stessa.

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x