Una pistola scacciacani nell’asilo: polizia e carabinieri sul posto

Una pistola scacciacani all’interno della struttura della scuola Marconi adibita a scuola dell’infanzia. La scoperta ieri mattina, quando alcune insegnanti, intorno alle 9:30, hanno intravisto dei ragazzi armeggiare al di fuori del cortile della “”Aldo Moro””, in una area inibita al pubblico.

Il personale dell’asilo si è catapultato nei giardini e il gruppo di ragazzi, tra i 12 e 13 anni, è scappato via nascondendo la pistola a salve in una fessura presente nella parete dell’asilo. Prontamente sono state allertate le forze dell’ordine, polizia e carabinieri, che sono intervenute sul posto.
Nel frattempo, il gruppetto di vandali ha fatto nuovamente ritorno – col volto travisato- nel giardino con l’intento di recuperare la pistola, ma si è dileguato non appena capito che era stata data l’allerta. “”Non si tratta di un’arma vera e propria, è una pistola a salve, alcuni la usano per fare rapine ed intimorire le persone””, riferiscono le forze dell’ordine.

Scampato il pericolo di conseguenze più gravi, rimane però intatto il problema della sicurezza delle scuole. “”Ad agosto ignoti hanno distrutto le finestre dell’asilo – riferisce il dirigente scolastico della Marconi, Anna Di Micco- e periodicamente ci sono atti vandalici. Inoltre i giardini dell’asilo, facilmente raggiungibili dall’esterno, diventano luogo di spaccio o posti in cui cercare intimità . Questa storia va avanti da tantissimi anni””.
Infatti la scuola dell’infanzia Aldo Moro (collegata alla Marconi) e la scuola media Pavoncelli hanno accessi facilmente violabili: vi sono soltanto muri molto bassi a difesa dell’istituzione scolastica e questo favorisce le attività  di malintenzionati e vandali. Nonostante il sistema di videosorveglianza disposto a ridosso dei plessi scolastici del centro città , i cortili delle scuole diventano ricettacolo di illegalità , a pochi metri dal comando di Polizia Municipale.
> La polizia: “”Arma idonea a compiere azioni crimonose””

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x