Paparella sfida Metta: “”Se ha i numeri mi sfiduci””

“”Il sindaco e la maggioranza hanno la capacità  di potermi sfiduciare: se hanno i numeri possono fare un’apposita mozione per la mia revoca da presidente del consiglio. Lo facciano, anche se credo che la situazione numerica in aula sia cambiata””.

Leonardo Paparella, presidente del consiglio comunale di Cerignola, replica alle accuse rivolte dal sindaco Franco Metta che, nei giorni scorsi, lo aveva attaccato sullo svolgimento dei lavori in aula Di Vittorio, a suo dire poco rispettosi delle norme. L’appunto al presidente del consiglio si inserisce in un più largo clima di tensione e di crisi interna alla maggioranza, da quando Federazione Civica, che fa capo proprio a Paparella, ha deciso di sostenere Metta con appoggio esterno: “”La nostra è stata una scelta coraggiosa, non vogliamo assessorati, anzi li abbiamo rifiutati. Ci hanno detto che vogliamo la testa di Pezzano? Io ricordo che sulla scrivania del sindaco era arrivata una lettera della Cicogna che non voleva più il vicesindaco, non la nostra, e anche in questo caso l’atteggiamento dei cicognini è contraddittorio””, osserva Paparella.
Ad oggi Franco Metta non ha una maggioranza, ma atto per atto dovrà  trovare sponde in consiglio comunale. La “”pace armata”” con Federazione Civica, che ci tiene a sottolineare di voler assumere un comportamento “”responsabile””, va in tandem con la tenuta stessa della Coalizione del Cambiamento: “”Non dimentichiamo che Metta in due anni ha perso due fedelissimi della prima ora: Teresa Lapiccirella, diventata indipendente, e Antonio Bonavita, passato in Forza Italia. Il problema non è Federazione Civica””, fa notare il presidente del consiglio. Gli ultimi tre consigli comunali sono stati caratterizzati da forti proteste e conseguenti interruzioni per motivi di ordine pubblico.
Una circostanza, quest’ultima, che ha generato momenti di inedito scontro istituzionale tra il primo cittadino e il vicequestore aggiunto Loreta Colasuonno: “”Per stemperare ho letto un documento dei cittadini che non era affatto anonimo, visto che abbiamo incontrato chi lo ha scritto, così come quando il sindaco incontrò il comitato per la ZTL e demmo lettura di un documento conseguente. Nel prossimo consiglio comunale, però, chiederò che alle prime intemperanze la seduta, in deroga al regolamento, proceda a porte chiuse””, promette Paparella.
“”Noi siamo parte della maggioranza, non firmeremo le dimissioni dal notaio. Il sindaco deve governare e noi siamo forza di governo, per questo esigiamo rispetto, così come si deve dare rispetto a tutti i cittadini. Il nostro appoggio esterno, come già  successo, sarà  leale ma sempre e solo nell’interesse della città . Non siamo traditori – replica Paparella- ma è necessario che il sindaco prenda atto di questa situazione e delle mutate esigenze fuori e dentro il consiglio comunale””.
Michele Cirulli

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x