Vertici SIA e Lionetti cercansi. Su SIA srl non possono o non vogliono parlare?

Progetti di privatizzazione della SIA srl annunciati e smentiti, vagliati e poi ritirati come se non fossero mai arrivati (qui i documenti). Così i consiglieri comunali Teresa Lapiccirella, Samuele Cioffi e Teresa Cicolella, insieme ai comitati ambientalisti, hanno richiesto l’istituzione della commissione ambiente che già  a inizio mese fu disertata dall’assessore al ramo Antonio Lionetti e dai vertici della SIA srl.

 

Nel merito, il destino della società , che sarà  discusso anche nel prossimo consiglio comunale. Inoltre le nubi sulla società  di Forcone Cafiero continuano ad aumentare, perchè all’orizzonte ci sarebbe un altro e (quasi) inatteso debito monstre che potrebbe minare il Natale dei circa 300 dipendenti.

Teresa Lapiccirella parla di mancanza di sensibilità  istituzionale e nel contempo scarso rispetto per i membri delle stessa Commissione, nonchè delle associazioni intervenute e dei lavoratori SIA. Si evince il chiaro interesse ad evitare la trattazione dell’argomento, oggetto della convocazione. La discussione, riguardante lo status quo di SIA, verteva precipuamente sulla richiesta di spiegazione rivolta allo stesso Cda, circa la delibera n. 53 del 4.10. 2016, protocollo 794, dell’11.10.2016  del Consorzio, avente ad oggetto: Contratti di servizio tra i Comuni del Consorzio e la SIA s.r.l “ aggiornamenti; Situazione economico-finanziaria di SIA s.r.l. “ rapporti di SIA con istituti di credito “ linee di indirizzo; Procedure di affidamento di SIA s.r.l. “ indirizzi al C.d.a SIA s.r.l.;  Impiantistica “ manifestazioni di interesse “ Progetto di finanza. Su questi temi il presidente del cda Giuseppe Devenuto, il dg di SIA srl Michele Centola e l’assessore Lionetti fanno spallucce e non si presentano in commissione. Ci sarebbero in effetti da chiarire tanti aspetti di vicende controverse.

I consiglieri Cicolella, Cioffi e Lapiccirella- si legge in una nota congiunta- oltre a denunciare l’irresponsabile comportamento dell’assessore Lionetti e del C.d.a. di SIA, ravvisano nel comportamento della Partecipata, che svolge un servizio pubblico essenziale, totale chiusura al dialogo con la Città  in un momento in cui la crisi economico-finanziaria della Società  richiederebbe una maggiore apertura e condivisione di piani e progetti industriali, utili ai fini della messa in atto di una reale raccolta differenziata, garantendo altresì, la piena occupazione del personale, attualmente in carico, che in questo periodo di confusione societaria sta vivendo  con apprensione le sorti di SIA, in considerazione del fatto che già  nei mesi scorsi erano stati messi in discussione gli stipendi e il prossimo mese vedrà  il pagamento, oltre allo stipendio, anche la tredicesima mensilitࠝ.

L’incontro di ieri era aperto anche alle realtà  associative ambientaliste: tra le presenti AMBIENTIAMO Cerignola, ANPANA Cerignola, CAPITANATA RIFIUTI ZERO Ordona, CITTADINANZATTIVA Cerignola, L’AIRONE  Stornarella che questa volta non hanno fatto mancare la propria voce.

Quale piano industriale per la gestione dei rifiuti: dettagli, tempi, operatività ? Vista la delibera n. 53 del consorzio esiste la volontà  di valutare tutte le possibilità  di realizzazione in house del VI lotto? Vista la delibera n. 53 del consorzio, in cosa consiste la possibilità  di riorganizzare la SIA in due divisioni, di cui una riguardante gli impianti e l’altra i servizi:  dettagli, tempi, operatività ? Perchè ad oggi, per quanto previsto non più tardi di aprile del corrente anno, non trova ancora realizzazione un modello di Raccolta Differenziata così come descritto nel PFE 2016 del Comune di Cerignola? Perchè nonostante vi fosse in campagna elettorale della presente amministrazione un chiaro riferimento alla realizzazione di una gestione ispirata al modello Rifiuti Zero, tra l’altro deliberata nel lontano 2011, finora non vi è alcun atto concreto in tale direzione?  La raccolta differenziata ed il modello Rifiuti zero sono funzionali solo in campagna elettorale? chiedono gli ambientalisti.

Che rimarcano: Si è aggiunta ai presenti anche l’associazione L’airone di Stornarella e probabilmente ancora altre associazioni si affiancheranno;  segno che sempre di più c’è voglia di sapere, di essere coinvolti ed informati sul futuro di un servizio di vitale importanza per tutto il territorio.
 
 

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x