Corruzione, falso, rivelazione segreto d’ufficio: 4 poliziotti ai domiciliari

Nella mattinata odierna, nell’ambito di un’attività  coordinata dalla Procura della Repubblica di Foggia, nella persona della dott.ssa Alessandra FINI, Agenti della Polizia di Stato della Squadra Mobile di Foggia hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di quattro operatori della Polizia Stradale di Foggia sezione di P.G., unitamente ad altro soggetto cerignolano titolare di una autodemolizione.

 

L’indagine ha consentito di acquisire gravi indizi di reato nei confronti dei quattro Poliziotti  ritenuti responsabili, a vario titolo e in concorso tra loro, di una serie di illecite condotte che vanno appunto  dalla corruzione al falso materiale, al peculato d’uso, alla rivelazione del segreto di ufficio, nonchè all’accesso abusivo al sistema informativo interforze, condotte poste in essere nel biennio 2014/2015.

Nel corso dell’indagine, caratterizzata da attività  tecniche d’intercettazione telefonica e captazione ambientale, è stato accertato, in primo luogo, l’illecito scambio di favori da parte dei Poliziotti consistenti in omissioni e/o atti contrari al dovere d’ufficio che il titolare di una concessionaria, incensurato, ricompensava con l’assegnazione all’agenzia di pratiche auto gestita di fatto dai Poliziotti medesimi di numerose pratiche riguardanti i trasferimenti di proprietà  delle autovetture vendute.

Le intercettazioni telefoniche hanno inoltre evidenziato l’esistenza di contatti illeciti tra alcuni dei poliziotti ed il pregiudicato cerignolano R. A.,  classe 1970,  In particolare, dalle attività  tecniche è emerso che i poliziotti avvisavano preventivamente R. A. di imminenti controlli all’autodemolizione  di cui questi è titolare  per permettergli  di predisporre adeguate contromisure o comunque omettevano atti doverosi nei confronti di questi ed in cambio ricevevano periodicamente dal predetto parti di autovetture o servizi e regali vari senza corrisponderne il prezzo.

Altrettanto evidente è la responsabilità  di alcuni dei Poliziotti indagati in ordine alla formazione di un atto falso al fine di celare la negligente omissione della comunicazione all’Autorità  Giudiziaria di una notizia di reato.

E’ emerso, inoltre, un uso illecito del Sistema Informativo Interforze, concretizzatosi nell’accesso, per fini estranei all’attività  d’ufficio, al Sistema e nella successiva divulgazione dei dati così acquisiti   terzi, anche in cambio di illeciti compensi.

In alcune occasioni alcuni dei Poliziotti indagati utilizzavano le auto di servizio per finalità  private.

 

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x