Calamita porta a casa il risultato: a Stornara una nuova sede INPS

Il Sindaco Rocco Calamita è riuscito a portare la sede dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale nel territorio stornarese. Con il suo slogan Solo con passione, capacità , coraggio e follia ciò che è impossibile diventa possibile . il primo cittadino di Stornara è riuscito ad ottenere un altro risultato per il popolo stornarese e no.

 

Se si tratti della sede di Cerignola, oggetto ancora oggi di diverse beghe politiche, questo il sindaco ancora  non  sa dirlo. Nel frattempo l’edificio cerignolano era considerato un vero e proprio polo per i tanti pensionati, lavoratori, cassa-integrati, i quali ogni giorno riempivano la sala d’aspetto dell’Inps anche per una semplice delucidazione riguardo al sistema delle pensioni oppure il conteggio dei loro contributi. Il medesimo ufficio era diventato il pomo della discordia per l’amministrazione Metta. Dopo diverse discussioni avute a suon di carte bollate e incontri tra il sindaco di Cerignola e l’INPS Puglia, la quale si avviava già  a sondare, dopo le evasive risposte dell’amministrazione Metta, altri siti in cui locare la propria sede cerignolana, a Cerignola la situazione sembra essere in fase di stallo (da quelle comunicazioni polemiche non si sono ottenute evoluzioni), mentre a Stornara Calamita porta a casa un risultato.

DI pari passo, infatti, un’altra scelta è ricaduta sul territorio di Stornara, una possibilità  molto sostenuta dalla candidatura del sindaco locale e dell’intera amministrazione. L’amministratore della città , Calamita, ha detto: Sarà  la Regione Puglia a pronunciarsi se Stornara accoglierà  la sede di Cerignola. Le domande che sicuramente ogni cittadino stornarese e no si porranno, una volta saputa, la notizia, riguarda l’apertura e le prestazioni che saranno svolte all’interno  dell’ufficio adibito a sede locale due volte a settimana. Per quanto riguarda l’apertura della sede, i tempi previsti dal sindaco Calamita saranno 30/90 giorni, all’incirca tra Ottobre e Novembre 2016. Per quanto riguarda i servizi, il primo cittadino ha affermato che saranno garantite presso l’edificio le seguenti attività : Estratto contributivo (ossia è l’elenco dei contributi che sono registrati negli archivi dell’Inps a favore del lavoratore fin dall’apertura della sua posizione assicurativa, nella quale sono raccolti i contributi da lavoro, figurativi e da riscatto.);Pagamento prestazioni; Domus (ossia l’autenticazione dell’utente);Certificazione unica per pensione e prestazioni a sostegno del reddito; Obis M (L’OBis M non è altro che la carta d’identità  delle pensioni INPS; da questo documento è possibile rilevare l’importo della pensione in pagamento ogni mese con le relative trattenute fiscali o sindacali.);Domanda per la prenotazione di un appuntamento in strutture INPS.

L’ottenimento di questa sede è un successo per l’amministrazione Calamita che ormai sta volgendo al termine del suo mandato quinquennale. Ed è un ottimo biglietto da visita riguardo le prossime elezioni che si terranno a Maggio-Giugno dell’anno prossimo. Questo risultato è garanzia della politica del sindaco uscente che attraverso la sua concezione di città  SMART, vuole cambiare il volto di Stornara.
Salvatore Cuccia
 

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x