#romanzocomunale | Spione nella banda dei “”coerenti””: “”Resto per senso di responsabilità “”

Se Moccia decide di seguire il Partito Democratico di Michele Emiliano, appoggiandolo alle regionali e aderendo al centrosinistra, cosa fa il suo assessore di riferimento appartenente alla giunta Giannatempo? Si dimette? Neanche per idea.

 
Anche Rosario Spione (Udc), nominato assessore a maggio 2012, non intende mollare la poltrona e la delega alle attività  produttive ed entra di diritto nella banda dei coerenti.

Nonostante il suo referente in consiglio comunale abbia già  annunciato il passaggio con l’ex magistrato barese ed in appoggio a Tommaso Sgarro (Pd), Spione non avverte alcun imbarazzo e rilancia: Non mi dimetto, rimango per coerenza. La stessa coerenza che ha indotto Moccia a giocare contemporaneamente il ruolo di uomo di governo e di opposizione. Un caso più unico che raro.

Non posso prendere decisione affrettate, sto facendo attività  importanti. Per un fatto di coerenza e di professionalità  non posso lasciare, perchè devo finire il mio compito. Sto curando il finanziamento della stazione di depurazione per un valore di 10 milioni di euro; a giorni presenterò il piano commercio. Non è che per decisioni di Moccia posso dimettermi, dice Spione.

E nulla conta se con la migrazione dell’impiegato Inps, nei fatti l’assessore rimane nella stanza dei bottoni senza legittimazione dell’unico consigliere di riferimento, assumendo quasi il ruolo dell’abusivo: Rimango per senso di responsabilitࠝ.

Io personalmente non ho fatto ancora alcuna scelta per le regionali, non so nemmeno chi siano i candidati presidenti. Chi sono?, chiede Spione. Se non mi viene chiesto io non mi dimetto. Se il sindaco me lo chiede faccio un passo indietro. Sto facendo delle attività  utili alla cittࠝ, ci tiene a precisare l’assessore al commercio.

Si può escludere che Spione passi a sinistra? Non si può escludere niente al momento, ora non ho preso accordi con nessuno e non ho partecipato ad alcun incontro con il gruppo Emiliano di Cerignola. Se ci sono le prove di questo- promette l’assessore udiccino (già  cacciato dal partito)-, io mi dimetto all’istante. Ma in questa fase non c’è da escludere niente, un domani posso ritrovarmi anche con il demonio, ironizza.

La politica la faccio per passione, rimarca Spione. Talmente tanta da non voler lasciare la poltrona.

 

0 0 votes
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Marchiodoc.it ®
0
Commenta questo articolox
()
x