Dopo la rapina, lo staff de ‘Il Caminetto’ reagisce: “Non molliamo”


Lo staff de Il Caminetto

Dopo la feroce rapina avvenuta nella notte tra sabato e domenica, con annessa aggressione ad uno dei titolari, lo staff del Caminetto prova a ripartire e ad archiviare la brutta esperienza. Un commando armato si è introdotto all’interno del ristorante in contrada Quarto usando violenza per ottenere l’incasso della serata.

“Abbiamo tenuto il silenzio in questi giorni perché avevamo bisogno di restare uniti tra noi e concederci tutto l’affetto che, da anni, caratterizza la nostra bella famiglia. Sì, perché Il Caminetto ormai è una famiglia a tutti gli effetti e, nel bene così come nel male, ha una forza in più: l’amore che prova nei confronti di tutto lo staff e di tutte quelle meravigliose persone che decidono di affidarsi a noi e alla nostra cucina”, è l’incipit del messaggio.



“Condanniamo e denunciamo a gran voce questo atto di violenza che ci ha colpiti e che, purtroppo, colpisce tanti lavoratori onesti e perbene che popolano la nostra stupenda Terra. Ma vogliamo sottolineare – proseguono i titolari- con più forza tutta la solidarietà e la vicinanza che, da tutta Italia, ci ha raggiunti. Siamo commossi e grati a tutte quelle persone che, anche con un gesto semplice, ci hanno dimostrato affetto, stima e amore.
Sarà sempre l’amore a muovere il mondo. Sarà sempre la voglia di essere persone perbene a vincere su tutto”.



“Sarà sempre il lavoro nobile a guidarci nelle nostre scelte. Sarà sempre la stessa grande e immensa famiglia de Il Caminetto a continuare a regalarVi sorrisi e piacere. Noi non molleremo mai perchè, qualunque cosa accada, l’onestà vincerà su tutto. Grazie di cuore a tutti”.



Seguici e condividi i nostri contenuti
Facebook
Facebook
Twitter
YouTube

Commenta questo articolo