Roghi, Lovecchio (M5S): “Informiamo il territorio come nella Terra dei Fuochi”


marchiodoc_lovecchio
Il deputato M5S Giorgio Lovecchio

“Nei campi di Capitanata non siamo in quello che don Maurizio Patriciello, nella terra dei fuochi, paragona all’inferno, ma le fiamme alte, i fumi e i puzzi spesso velenosi che si sprigionano di sera nelle nostre campagne, pur non accertando qualcosa di losco, manifestano sicuramente un forte dispregio delle regole. Quotidianamente si susseguono incendi fai da te, dove si assommano rifiuti organici degli scarti agricoli a materiali plastici, che tolgono l’aria a quanti abitano nelle zone extraurbane e nelle borgate e nei centri rurali, creando spesso disagi e pericoli anche più estesi”.



Si esprime così l’onorevole del M5S Giorgio Lovecchio sul fenomeno preoccupante nel Tavoliere dei roghi con i quali gli agricoltori smaltiscono i propri rifiuti stoccati di lavorazione, contaminando l’aria e le superfici agricole circostanti. Fuochi di plastica, residuo della campagna del pomodoro, hanno appestato la zona di Carapelle, come segnalato efficacemente dal sindaco di quella comunità.



“Il Ministero dell’Ambiente ha già stilato un protocollo inerente la terra dei fuochi- continua il deputato pentastellato- per avviare azioni di informazione e sensibilizzazione rivolte ai cittadini ed alle imprese per la prevenzione e il contrasto del fenomeno dei roghi, anche con riguardo alla contraffazione di materiali. Quel programma di iniziative e campagne periodiche di informazione e sensibilizzazione sui comportamenti utili a prevenire il fenomeno dei roghi va di certo esteso anche alla Capitanata, in modo che si possano mettere in campo iniziative fattive nel caso di avvistamento di incendi, in particolare derivanti dalla combustione di rifiuti, per prevenire, controllare, monitorare, tutelare l’ambiente e la salute a seguito di roghi di rifiuti. Anche se nella maggior parte dei casi i roghi di materiale plastico agricolo non sono vicini agli abitati, i fumi si muovono per chilometri, senza considerare il danno ambientale provocato ai terreni dai liquami”.



Seguici e condividi i nostri contenuti
Facebook
Facebook
Twitter
YouTube

2
Commenta questo articolo

più nuovi più vecchi più votati
Francesco

La situazione è seria e preoccupante. La pubblica amministrazione non ne parla, e fa finta di nulla, quando il suo ruolo principale riguarda la tutela ed il benessere della comunità cittadina. Invece purtroppo qualcuno continua a fare video autocelebratvi ed autocerebrolesi, polemizza do con i vari dirigenti scolastici. Perché vi è un totale mutismo ed indifferenza sulla questione ambientale? Ci sono forse degli interessi dietro tale accondiscendenza sullo status quo, relativo al problema di roghi, sversamento, ed interramento di rifiuti e sostanze tossiche? Bisogna che la Procura apra una inchiesta per fare luce sulla questione, e sarebbe opportuno attenzionare e… Leggi il resto »

PIPPO

ANCHE QUI, NEL QUARTIERE TORRICELLI DA QUASI UN MESE ALL’IMBRUNIRE, DOBBIAMO CHIUDERE BALCONI E FINESTRE PERCHE’ L’ARIA DIVENTA IRRESPIRABILE. BRUCIANO DI TUTTO E DI PIU’ AVVELENANDOCI.