VIDEO | Ascoltati i testimoni dell’incidente: stasera veglia di preghiera


Spaventoso incidente, sabato sera, a Cerignola, quando 6 ragazzi sono stati investiti da un’auto in corsa su via Tiro a Segno, nella periferia del centro ofantino. Il gruppo di minori – tutti di età compresa tra i 12 e i 13 anni – era di ritorno verso il centro abitato dopo aver cercato invano di entrare in un circolo ricreativo ubicato in quella  via di campagna. Intorno alle 21:00, però, una Fiat Punto, con a bordo due persone, li ha travolti alle spalle anche a causa della scarsissima illuminazione su quell’arteria stradale. Devastante l’impatto, che ha sbalzato sei malcapitati a decine di metri di distanza. Altri tre ragazzi, che facevano parte del gruppo, hanno assistito alla scena e sono ora in stato di shock, ed in queste ore saranno ascoltati dagli inquirenti per ricostruire l’accaduto.



IL conducente dell’auto ha allertato il 118 e il 113 e ha sostenuto di non aver visto il gruppetto a bordo strada. I sei minorenni sono stati trasportati negli ospedali di Cerignola, Foggia, Barletta e San Giovanni Rotondo. Critiche le condizioni per uno dei 12enni coinvolti, che sta lottando contro la morte nel nosocomio della città di san Pio. Sul posto, nelle ore dell’incidente, sono intervenuti i vigili urbani e la polizia, che conducono le indagini.   



L’auto che ha travolto i ragazzi

Una strada dannata, quella del quartiere Fornaci, alla periferie sud di Cerignola. A Gennaio l’alta velocità fu la causa della scomparsa di Aurora ed Agostino, altri due minorenni deceduti troppo in fretta per un incidente stradale, proprio nel centro abitato. A destare preoccupazione è però via Tiro a segno, non solo di notte, ma anche di giorno, quando la strada viene presa d’assalto da corridori e ciclisti, tanto che quell’arteria è considerata un vero e proprio circuito per gli amanti del fitness. A marzo un ciclista fu travolto da un’auto in corsa, poi datasi alla fuga. E di sera in via Tiro a Segno, in zona san Marco, c’è buio pesto nonostante il traffico di chi si reca verso i locali che insistono nell’area. L’ultimo drammatico episodio sabato sera, quando i sei ragazzini sono stati investiti. Il preside della loro scuola, Vito Panebianco, ha organizzato, insieme alla Curia, un momento di preghiera e di riflessione nella serata di oggi.


La strada “maledetta”. Oggi veglia per i ragazzi.

Le immagini dell’incidente


Seguici e condividi i nostri contenuti
Facebook
Facebook
Twitter
YouTube

1
Commenta questo articolo

più nuovi più vecchi più votati
Potito

Quanto è successo è di una gravità inaudita e d inaccettabile. Credo che se l’autista della Punto fosse andato ad una velocità normale, si sarebbe accorto della presenza dei ragazzini, ed avrebbe evitato l’incidente. In questa terribile vicenda ognuno deve prendersi le proprie responsabilità a 360 gradi. Si continua a parlare e celebrare “le nuove rotatorie”. Mi chiedo a cosa serva una estetica dell’urbanistica se non esiste in primis la sicurezza della circolazione stradale. In via tiro a segno manca quasi del tutto la illuminazione pubblica. Non ci sono corsie né per i pedoni né per i ciclisti e podisti.… Leggi il resto »