Pagare meno la TARI si può: il 5 luglio M5S in piazza


La questione TARI, a Cerignola, mobilita i parlamentari del Movimento 5 Stelle. Il prossimo 5 luglio, presso la villa comunale in piazza della Repubblica, la deputata Marialuisa Faro, le senatrice Patty L’abbate e la consigliera regionale Rosa Barone saranno nel centro ofantino per parlare di “Rifiuti Zero”, la strategia che potrebbe bloccare i continui aumenti della TARI. Cerignola è letteralmente tartassata dalla cartelle, che hanno registrato, in dodici mesi, dapprima un aumento del +19% e poi un ulteriore ritocco del +36%. I cittadini protestano; un pool di 50 avvocati, in maniera autonoma e indipendente, sta cercando di contrastare legalmente il salasso; in piedi, inoltre, ci sono un ricorso al Consiglio di Stato ed uno alla commissione tributaria.

Rifiuti in strada

 “Rifiuti Zero” è una strategia di gestione dei rifiuti che si propone di riprogettare la vita ciclica dei rifiuti considerati non come scarti ma risorse da riutilizzare come materie prime seconde, contrapponendosi alle pratiche che prevedono necessariamente processi di incenerimento o discarica, e tendendo ad annullare o diminuire sensibilmente la quantità di rifiuti da smaltire. Il processo si basa sul modello di riutilizzo delle risorse presente in natura. Numerosi sono i Comuni in Italia che hanno adottato queste buone pratiche per aumentare la differenziata eper ridurre il costo della Tariai cittadini”, dicono i pentastellati. Non solo teoria, visto che a presenziare all’incontro del 5 luglio ci sarà anche Raimondo Innamorato, il sindaco di Noicattaro che ha avviato un percorso virtuoso di gestione dei rifiuti con abbattimento dei costi.



Seguici e condividi i nostri contenuti
Facebook
Facebook
Twitter
YouTube

Commenta questo articolo