Consiglio comunale, tutto resta com’è. E Metta gongola


Forza Italia dice “Mai con la sinistra”. Legittimo, ma avrebbero potuto dirlo dal primo giorno invece di nascondersi. Curiello e Vitullo ormai mettiani schierati proprio nel momento in cui la commissione d’accesso agli atti si appresta ad espletare l’ultimo giro di verifiche prima del 9 luglio, quando la relazione prenderà la via di Roma e nel giro di qualche mese si conosceranno gli esiti degli accertamenti sulla possibile sussistenza di infiltrazione mafiosa nelle scelte di Franco Metta.

Così anche nel consiglio comunale di ieri, sul bilancio, il voto contrario di Forza Italia è una foglia di fico, perché comunque la presenza di Curiello e Vitullo ha permesso la sopravvivenza di Metta garantendo il quorum. Così come nel 2018 l’assenza di Rendine permise al sindaco civico di proseguire la sua esperienza amministrativa, nonostante i giornali web vicini a Sgarro provino a confondere le acque con le fake news.

Nel frattempo, dopo grottesche prese di posizione e accuse vicendevoli, le due anime della Lega trovano la quadra: Zamparese e Trombetta, dopo attacchi sui social e attraverso manifesti elettorali (entrambi si scambiavano accuse più o meno velate di “abusivismo”), firmano la tregua “dopo una lunghissima riunione”.



Rimane perciò tutto invariato: sinistra frantumata, Curiello e Vitullo maggiordomi di Metta e il gruppo de La Cicogna ormai decimato e non più in grado, da solo, di garantire i numeri per governare in autonomia. Nel frattempo passano tutti i punti all’ordine del giorno. Un teatrino piuttosto inutile, se si considera la scadenza del 9 luglio, quando la commissione avrà consumato tutti i 180 giorni disponibili per le proprie valutazioni.

Sarà quella data (anche se per le determinazioni è previsto qualche mese ) a dirci cosa ne sarà di questi movimenti sotterranei, delle promesse urbanistiche che allettano taluni in Forza Italia, delle autonomine a sindaco nel centrosinistra, delle ritrovate sintonie dopo le cruente guerre e amenità varie.



Seguici e condividi i nostri contenuti
Facebook
Facebook
Twitter
YouTube

Commenta questo articolo