Cimitero di auto rubate: aveva seppellito 43 scocche nel terreno di sua proprietà

Dormiva tranquillamente all’interno di una Opel Astra appena rubata all’interno di un’area di sua proprietà, un vero e proprio cimitero di auto rubate.

Nella giornata di ieri, Agenti della Polizia di Stato del Reparto prevenzione crimine di Lecce e del commissariato di Cerignola nel corso di un servizio di controllo del territorio, hanno tratto in arresto  un 31enne cerignolano, B.G. per ricettazione.


Intorno alle 8:00 di mattina gli agenti, su disposizione della sala operativa, si recavano nel punto indicato dalle coordinate geografiche, dove doveva trovarsi un’auto Opel Astra appena rubata. Sul posto, nascosta dietro alcune lamiere, i poliziotti trovavano la vettura segnalata, con all’interno un uomo che stava dormento.

Di fianco a lui, una carcassa di una Renault Scenic completamente smontata (risultata poi rubata) ed un escavatore di proprietà dello stesso: i controlli delle forze dell’ordine hanno poi appurato che l’escavatore veniva usato dal malvivente per sotterrare le carcasse di auto rubate.

Marchiodoc - Cimitero auto rubate

Infatti gli agenti individuavano una zona che era stata adibita a cimitero di scocche di auto rubate e dopo averla delimitata e sottoposta a sequestro, con l’ausilio di un  escavatore, venivano estratte da sotto terra 43 scocche di auto rubate nel corso del mese di maggio.

L’uomo è stato accompagnato presso la locale casa circondariale accusato di ricettazione.


Seguici e condividi i nostri contenuti
Facebook
Facebook
Twitter
YouTube

Commenta questo articolo