Rifiuti all’interporto, multa da 6000 euro. Metta: “Saremo assolti”

Per i rifiuti depositati all’interporto arriva il conto: è di appena 6000 euro la contravvenzione per il Comune di Cerignola. “La montagna ha partorito il topolino”, ha commentato il sindaco di Cerignola Franco Metta. A luglio scorso, come si ricorderà, l’interporto fu utilizzato come deposito temporaneo di immondizia per tamponare l’emergenza che ha interessato tutti e 9 comuni che compongono il Consorzio di Bacino Fg4.

Interrogazioni parlamentari, polemiche, ma anche sequestro dell’intera zona da parte del NOE: “Sequestri, carabinieri che giravano per la città, grande confusione. Ecco, la montagna ha partorito il topolino: dopo tutti i sequestri e i provvedimenti, e giorni e giorni di rifiuti all’interporto, ci si lamentava di chissà quale inquinamento ambientale. Niente di tutto questo: una contravvenzione da 6000 euro”, dice Metta.

Il decreto penale di condanna è arrivato e sarà possibile pagare la multa per evitare il processo. Eventualità che Metta scongiura: “Pagando la contravvenzione si estingue il provvedimento penale. Noi non pagheremo niente, ci faremo processare e saremo trionfalmente assolti”, conclude Franco Metta.

Seguici e condividi i nostri contenuti
Facebook
Facebook
Twitter
YouTube

Commenta questo articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.