Ecco su cosa la Commissione d'accesso vuol vederci chiaro

Atti della giunta e del consiglio comunale dal 2015 ad oggi, determine dei dirigenti e mandati di pagamento, licenze rilasciate dal settore commerciale , concessioni edilizie. Sono questi alcuni dei documenti che la Commissione d’accesso ha richiesto al comune di Cerignola per valutare la sussistenza di un condizionamento mafioso nelle scelte e quindi negli appalti.

 

La lente degli inquirenti si posa anche assunzioni, sulle consulenze o sulle collaborazioni intercorse con l’ente pubblico. Attenzione ricade anche sulle ordinanze urgenti, comprese quelle sulla società dei rifiuti SIA srl, oggi sull’orlo del baratro, e sull’emergenza che lo scorso luglio ha interessato la città, letteralmente subissata di immondizia nonostante le diffide regionali. Inoltre sarà censito anche il patrimonio immobiliare di cerignola, e vi sarà un focus sulle concessioni demaniali. Il periodo di interesse è 2015-2019.

L’ombra della mafia su Cerignoal si è abbattuta anche nel 2017, quando alla coop Cerignola progresso, vicina ad un consigliere comunale di maggioranza, fu revocato l’appalto- su interdittiva antimafia- della gestione della villa comunale. A poche ore dal provvedimento due uomini, successivamnte arrestati, appiccarono un rogo al bar del parco urbano, che rappresentava il vero piatto forte di quel bando comunale.


SE NON RIESCI A VEDERE IL VIDEO CLICCA QUI

 

 

 

 

 

 


 

 

 


 

 




We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk