Il Comune di Cerignola deve pagare 800mila euro ad Aseco

Decreto ingiuntivo per il Comune di Cerignola che deve corrispondere circa 800 mila euro ad Aseco spa, la società satellite di Acquedotto Pugliese che da dicembre 2017 gestisce gli impianti di Forcone Cafiero dopo il tracollo della società Sia srl e lo sfaldamento del Consorzio di bacino Fg4. L’ente comunale ha dato mandato ai legali di proporre ricorso contro la decisione.

 

Aseco ha chiesto al Tribunale di Taranto di ingiungere al Comune di Cerignola il pagamento in suo favore della complessiva somma di 796.884,25 euro «a titolo di pagamento di fatture rimaste insolute quale corrispettivo per il servizio di trattamento rifiuti urbani indifferenziati e recupero spese smaltimento, trasporto, ecotassa» svolto per conto dell’Ente. Il giudice, accogliendo la proposta della società Aseco, ha intimato al Comune di Cerignola di pagare l’intera somma entro 40 giorni: a questa decisione si è opposta l’amministrazione, che ha dato l’ok ai legali comunali di procedere in ricorso.

Le fatture non pagate riguardano mensilità fino ad aprile 2018 e poi agosto e settembre dello stesso anno, quando i rifiuti, che ormai erano depositati in strada, furono temporaneamente abbancati presso l’interpor to di Cerignola. Quell’attività di biostabilizzazione, per un complessivo valore di circa 800mila euro, non è stata mai pagata, nonostante quelle somme rappresentassero parte principale dell’aumento del 36% della tassa sui rifiuti deliberato nel comune ofantino. Per fare in modo che la società satellite di AqP si occupasse della gestione dei rifiuti a Cerignola, nei giorni di trambusto ed emergenza, ci pensò l’Ager – l’agenzia regionale ai rifiuti – a fissare il prezzo della biostabilizzazione a 49 euro a tonnellata smaltita.

In sostanza, all’aumento dei costi in bolletta non vi sarebbe stato il pagamento del servizio. Il che apre interrogativi su dove siano finiti quei soldi e quanta “evasione”di Tari vi sia stata, ma tra Consorzio e Aseco vi è un’altra partita aperta, ancora più corposa, del valore di circa 3 milioni di euro. Con un’ordinanza del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, a dicembre 2017, preso atto delle difficoltà di Sia srl, era stato autorizzato l’intervento di Aseco nella gestione dei rifiuti del Consorzio: la società impegnò circa 3 milioni di euro per concludere i lavori relativi alle sedici biocelle.

Soldi che dovranno uscire dalle casse dei comuni per fare ritorno in quelle della società Aseco spa. Rispetto all’ingiunzione di pagamento sui costi di smaltimento, pari a 800 mila euro, il Comune ha proposto ricorso, con ogni probabilità appellandosi a procedure di natura tecnica che poco cambiano, però, sul piano della sostanza.

Nel frattempo procedono le interlocuzioni tra il Consorzio e la Aseco anche per il futuro del ciclo dei rifiuti, visto che i sindaci hanno espressamente richiesto che sia la stessa società a subentrare come gestore: l’ultimo summit è avvenuto a dicembre scorso, qualche giorno prima che i giudici del Tribunale di Taranto obbligassero il comune a pagare quanto dovuto ad Aseco spa.

Michele Cirulli

 

> Altra rogna per SIA: la Regione vuole indietro un milione di euro

 

 


 


Commenti 

 
+18 # Andiamo avanti 2019-01-28 08:14
Pezzano se ci sei puoi illuminarci? O scriverai solo quanto sei buono e sei bello
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+13 # Cagnolino 2019-01-28 08:58
Pasquale detto Ale, Terenzio, Erigno e Carlo, sicuramente capite di cosa stiamo parlando
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+7 # Pernacchio Dipernacchio 2019-01-28 09:24
Assessore al ramo aspettiamo un comunicato
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+9 # Grillo Parlante 2019-01-28 10:08
Perché volete risposte da gente che non sa nemmeno cosa sta facendo? Questi vivono all'ombra del loro padre padrone non sono altro che clacchisti di una brutta scena di un pessimo film. Ecco il cambiamendo, quello che prima era nostro ora è dei baresi che verranno ad arricchirsi a spese nostre. Tanto mica pagherà chi questa situazione l'ha creata. La domanda è a quale scopo e perché e per chi?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Ragione Fantocci 2019-01-28 11:30
Ma la Siaa non poteva fare come quello dei pneumatici, pagando aseco con fatture intestate a società cabriolet così recupera a i soldi dell'Iva? Ucch' vivl è stamc bun!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-9 # Custode del bar 2019-01-28 11:34
Ecco scatenati i capiscitori che poi alle altre notizie quelle brutte si bloccano i disct e non riescono più a scrivere.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # Armiamoci e partite 2019-01-28 13:08
Custode del bar tanto ci sei tu che con coraggio pazzesco non si bloccano i disct a romperci i coglio#i e a caca#rt ngudd lo stess.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-7 # Custode del bar 2019-01-28 13:34
Citazione Armiamoci e partite:
Custode del bar tanto ci sei tu che con coraggio pazzesco non si bloccano i disct a romperci i coglio#i e a caca#rt ngudd lo stess.

Stai proprio bello nervosetto.
Tu sei proprio uno di quelli mio bel coniglietto.Ti sei sentito tazzicato il culetto eh !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # Buonasera Cerignola 2019-01-28 13:16
Tu non puoi parlare proprio, che sei un infiltrato che hai messo fuoco al bar della villa
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-4 # Armiamoci e partite 2019-01-28 14:09
Citazione Custode del bar:
Citazione Armiamoci e partite:
Custode del bar tanto ci sei tu che con coraggio pazzesco non si bloccano i disct a romperci i coglio#i e a caca#rt ngudd lo stess.

Stai proprio bello nervosetto.
Tu sei proprio uno di quelli mio bel coniglietto.Ti sei sentito tazzicato il culetto eh !

Fai i nomi se no non sei nessuno caro eroe dei miei stivali.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+3 # Scarcioffl 2019-01-28 16:34
Comunque é bello il prato verde che davanti la SIA, ma la volendo si può fare la pasquetta?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-1 # Custode del bar 2019-01-28 21:07
Armiamoci e partite.
Falli tu i nomi che stai sempre qua a commentare e sei sicuramente un capiscitore e sai tante cose. Soprattutto conosci tante persone sia brave che CATTIVE
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # Armiamoci e partite 2019-01-28 23:10
Se li sapevo li facevo, se li sai tu falli tu pisciaturo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # Armiamoci e partite 2019-01-29 07:29
State attenti ancora finite anche voi nella rete degli inquirenti...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk