VIDEO | Il commovente addio ad Aurora e Agostino. Renna: "Non giudichiamo nessuno"

È stato un addio sentito e commosso, quello riservato ad Aurora e Agostino, i due ragazzi deceduti sabato notte in via dei Mandorli a Cerignola in seguito ad un incidente stradale. Ad accogliere le salme della 15enne e del 17enne migliaia di persone riversate in Piazza Duomo.

 

L’incidente messo sotto shock l’intera città, tramortita dalla notizia del tragico evento: di pochissimo oltre la norma il tasso alcolemico del conducente, che oggi si trova agli arresti domiciliari, mentre migliorano le condizioni dell’altra superstite, che si trova ancora ricoverata presso l’ospedale Tatarella di Cerignola. Il sindaco Franco Metta ha indetto lutto cittadino, accolto da numerosi esercenti. A presiedere la messa, presso la Cattedrale, è stato il vescovo mons- Luigi Renna, che ha fatto un appello ai giovani.

"Di fronte a una tragedia di questo tipo il silenzio, che fa parlare la coscienza, sia la cosa più giusta. La coscienza di ciascuno saprà trovare le risposte rispetto ad un contesto nel quale, certo, c’è bisogno di mettere in atto tanti accorgimenti nella città, ma un contesto che è la vita dei nostri giovani: al di là di quello che si può assicurare in una città, credo che siano i giovani stessi a doversi prendere cura della propria vita”, ha detto il vescovo Luigi Renna.


SE NON RIESCI A VEDERE IL VIDEO CLICCA QUI


“Ad iniziare dal non correre, dal sapere come trascorrere le proprie serate– ha aggiunto il pastore della diocesi Cerignola-Ascoli Satriano – dall’avere dei limiti in tutto. Con questo non vogliamo giudicare nessuno: né i giovani che sono sopravvissuti né quelli che non ci sono più, perché in questo momento dobbiamo dimostrare, più degli altri, la nostra umanità e il nostro essere cristiani”.

“La coscienza potrà indicare ai giovani che la vita è un bene da tutelare e da rispettare. Anche noi adulti dobbiamo interrogarci: in merito alle relazioni nell’ambito delle famiglie, in merito a quelli che sono i modelli che offriamo, in merito a quelli che sono i mezzi che mettiamo nelle mani dei giovani. Io – prosegue Renna- credo che il recupero di una adultità sia necessario. Dobbiamo saper assicurare ai nostri giovani un futuro, dicendo dei sì, ma sapendo dire anche dei no. Questa non vuole essere un’interpretazione moralistica e non vuole essere assolutamente un giudizio, meno che mai nei confronti delle famiglie, perché il dolore di chi perde il proprio figlio è il dolore più grande”.

 

 

 


 

 

 


Commenti 

 
-3 # INDIGNATO 2019-01-16 15:28
Sono commosso dalle parole di Sua Eccellenza. Invece provo un dolore profondo per quelle due creature innocenti, ora saranno due bellissimi angeli. Tuttavia non è giusto ora puntare il dito verso il conducente addita dolo come un omicida o peggio ancora un assassino. Non si può accusarlo di omicidio stradale, perché di certo non avrebbe voluto uccidere nessuno. È stata una tragica fatalità. Un evento che sarebbe potuto capitare a qualsiasi giovane.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Fede 2019-01-18 13:50
Citazione INDIGNATO:
Sono commosso dalle parole di Sua Eccellenza. Invece provo un dolore profondo per quelle due creature innocenti, ora saranno due bellissimi angeli. Tuttavia non è giusto ora puntare il dito verso il conducente addita dolo come un omicida o peggio ancora un assassino. Non si può accusarlo di omicidio
stradale, perché di certo non avrebbe voluto uccidere nessuno. È stata una tragica fatalità. Un evento che sarebbe potuto capitare a qualsiasi giovane.

Non sarebbe capitato , se non avesse corso come un pazzo, scambiando un tratto di strada per una pista di formula uno...consapevolmente correva come un pazzo...Non è stata una fatalità...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # INDIGNATO 2019-01-19 13:28
Non avrebbe corso come un pazzo se stavamo i dossi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-3 # INDIGNATO 2019-01-16 15:29
Si potrebbe trattare di omicidio stradale nel caso di investimento di un passante o di uno scontro diretto con un altra vettura in un contesto di violazione grave del codice della strada, ma non sta a me giudicarlo. Però di certo è un bravo ragazzo che lavorava al Maxi Bar. Sono invece grandemente indignato nei confronti dell'amministrazione comunale a partire da quella di Giannatempo fino a quella odierna, che hanno la gravissima responsabilità morale per quanto successo. Sono anni che, al sabato i ragazzi quando escono dal bowling dopo una festa, magari in stato di euforia, scambiano quel tratto di stra per una pista di formula 1, e non hanno la percezione né la consapevolezza del rischio che corrono..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # INDIGNATO 2019-01-16 16:06
Questo tragico evento si sarebbe potuto prevenire se le istituzioni preposte avessero adottato le opportune misure preventive al fine di garantire la sicurezza ed incolumità per gli automobilisti. Queste misure si chiamano dossi stradali, dissuasori di velocità, segnali stradali del limite di velocità, autovelox e chi più ne ha più ne 'metta'.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # INDIGNATO 2019-01-16 16:10
Invece di tutelare la salute e la vita dei cittadini (vedi anche emergenza rifiuti), loro cosa fanno? Pensano a costruire palazzetti, palasport, palatenda.. mandate a cacare!! E scusate se é poco!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+5 # INDIGNATO 2019-01-16 16:11
Sindaco voglio dirti una cosa dal profondo delle mie budella, con grande sincerità. Al di là delle inchiesta per presunte infiltrazioni mafiose, che mi auguro e ti auguro non esserci, in primis per la reputazione della nostra città già fortemente cattiva, dimettiti! Perché ciò che è accaduto sabato è più grave di qualsiasi potenziale infiltrazione mafiosa. È la sconfitta più dell'amministrazione pubblica nei confronti dei suoi cittadini. Non può esserci fallimento più grande per un istituzione che deve tutelare i diritti dei cittadini, quali quelli fondamentali come il diritto alla vita, quando la stessa istituzione diventa parimenti responsabile della morte di due suoi cittadini. Pertanto le tue dimissioni sarebbero un grande atto di civiltà e di amore nei confronti della tua città. Un gesto che ti farebbe onore!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Sabina 2019-02-23 00:28
Adding colors to checks does not mean around the globe childish.

Furthermore, just a very good suggestion end up being stop eating before you actually have a feeling.
Do you wish to commune with nature on a vacation?

My web page :: jolly joker casino: http://www.sarahwright.com/__media__/js/netsoltrademark.php?d=www.fila-wrestling.org%2Fincreasing-fiber-intake-for-peak-performance-in-sports%2F
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk