Indagini della GdF, nel mirino anche le gestioni della SIA

Nel mirino della Guardia di Finanza l’amministrazione comunale guidata da Franco Metta. Sono infatti tre le indagini attualmente in corso proprio ad opera delle Fiamme Gialle che riguardano uomini e azioni della civica amministrazione.  Nella giornata di mercoledì 18 dicembre, a sorpresa, Franco Metta racconta per primo della perquisizione alle abitazioni dell’Assessore ai Lavori Pubblici e Urbanistica, arch. Tommaso Bufano, e del Dirigente dei Lavori Pubblici, ex Dirigente del settore manutenzioni, Ing. Clorindo Izzillo.

 

Una visita, quella delle Fiamme Gialle, rispetto alla quale Metta è parso più che tranquillo. «Quando si riveste un incarico di carattere pubblico - ha detto Metta -, sia nelle vesti di Dirigente sia nelle vesti politiche di Assessore, come ho sempre sostenuto, bisogna essere sempre e comunque disponibili a ogni tipo di verifica e di controllo che le Autorità preposte intendano effettuare per cui l’iniziativa di questa mattina ha trovato la massima collaborazione da parte del Dirigente Izzillo che dell’Assessore Bufano».

Perquisizioni che, come informa Metta, «hanno dato esito negativo, e non poteva essere diversamente, non avendo io il minimo dubbio sulla correttezza assoluta di entrambi i soggetti». Esito negativo dei controlli, ma nessuna spiegazione sulle ragioni della perquisizione. Cosa stessero cercando di preciso i Finanzieri non è dato sapere, anche se molti indizi conducono a due opere pubbliche, messe sotto la lente d’ingrandimento nelle ultime due settimane.

Possibili relazioni tra appalti pubblici e sponsorizzazioni sportive. Sarebbe questa la linea di indagine che ha portato la Guardia di Finanza a Palazzo di Città a novembre scorso per acquisire alcune documentazioni. In linea ipotetica - tutta da dimostrare - alcuni imprenditori avrebbero sponsorizzato squadre sportive, nello specifico l’Udas Basket in riferimento all’anno 2018, per conservare o ottenere appalti. L’ipotesi di reato sarebbe infatti la concussione, reato che può essere commesso solo da pubblico ufficiale o incaricato di un pubblico servizio.

Oltre alle visite in comune e all’acquisizione di ulteriore documentazione in altre sedi, tra cui il Palazzetto dello Sport, in Procura sono stati ascoltati anche imprenditori e persone vicine alla società biancazzurra per riferire sui fatti. Non è stato ancora dimostrato nulla ma l’indagine è avviata e prosegue; non ci sono ancora imputati e neppure condannati, ma le verifiche procedono. Sempre la Guardia di Finanza sta procedendo ad una nuova indagine che vede coinvolte le amministrazioni dei nove comuni del Consorzio FG/4. Secondo le fiamme gialle vi sarebbero “scelte gestionali discutibili” che hanno condotto la SIA nello stato in cui è; se politicamente è opinabile la scelta di non aver realizzato subito il sesto lotto, il corpo di polizia tributaria sta verificando, carte alla mano, la situazione nera che vive la società.

Dopo aver acquisito le carte nei piccoli Comuni - che hanno poi in certi casi non pagato lamentando disservizi e cattiva gestione -, l’attività investigativa si sta concentrando su Cerignola, il comune che detiene gran parte delle quote. Non c’è nulla ancora di attestato, ma le incongruenze rilevate dalla Finanza sembrano essere diverse; dagli acquisti alle manutenzioni, spese che - analizzate nell’arco temporale - non trovano giustificazioni. Manutenzioni a mezzi arrivate a costare in un anno anche dieci volte in più del valore stesso del mezzo.

Verbali che racconterebbero una gestione liquida e leggera che negli ultimi anni - probabilmente anche prima della consiliatura guidata da Metta - ha condotto la Sia sul baratro.

 

Gazzetta del Mezzogiorno

Nel mirino della Guardia di
Finanza l’amministrazione comunale guidata
da Franco Metta. Sono infatti tre le indagini
attualmente in corso proprio ad opera delle
Fiamme Gialle che riguardano uomini e azioni
della civica amministrazione.
Nella giornata di mercoledì 18 dicembre, a
sorpresa, Franco Metta racconta per primo
della perquisizione alle abitazioni dell’Asses -
sore ai Lavori Pubblici e Urbanistica, arch.
Tommaso Bufano, e del Dirigente dei Lavori
Pubblici, ex Dirigente del settore manutenzioni,
Ing. Clorindo Izzillo. Una visita, quella
delle Fiamme Gialle, rispetto alla quale Metta
è parso più che tranquillo. «Quando si riveste
un incarico di carattere pubblico - ha detto
Metta -, sia nelle vesti di Dirigente sia nelle
vesti politiche di Assessore, come ho sempre
sostenuto, bisogna essere sempre e comunque
disponibili a ogni tipo di verifica e di controllo
che le Autorità preposte intendano effettuare
per cui l’iniziativa di questa mattina ha trovato
la massima collaborazione da parte del
Dirigente Izzillo che dell’Assessore Bufano».
Perquisizioni che, come informa Metta,
«hanno dato esito negativo, e non poteva
essere diversamente, non avendo io il minimo
dubbio sulla correttezza assoluta di entrambi
i soggetti». Esito negativo dei controlli, ma
nessuna spiegazione sulle ragioni della perquisizione.
Cosa stessero cercando di preciso
i Finanzieri non è dato sapere, anche se molti
indizi conducono a due opere pubbliche, messe
sotto la lente d’ingrandimento nelle ultime
due settimane.
Possibili relazioni tra appalti pubblici e
sponsorizzazioni sportive. Sarebbe questa la
linea di indagine che ha portato la Guardia di
Finanza a Palazzo di Città a novembre scorso
per acquisire alcune documentazioni.
In linea ipotetica - tutta da dimostrare -
alcuni imprenditori avrebbero sponsorizzato
squadre sportive, nello specifico l’Udas Basket
in riferimento all’anno 2018, per conservare
o ottenere appalti. L’ipotesi di reato
sarebbe infatti la concussione, reato che può
essere commesso solo da pubblico ufficiale o
incaricato di un pubblico servizio.
Oltre alle visite in comune e all’acquisi -
zione di ulteriore documentazione in altre
sedi, tra cui il Palazzetto dello Sport, in Procura
sono stati ascoltati anche imprenditori e
persone vicine alla società biancazzurra per
riferire sui fatti. Non è stato ancora dimostrato
nulla ma l’indagine è avviata e prosegue;
non ci sono ancora imputati e neppure
condannati, ma le verifiche procedono.
Sempre la Guardia di Finanza sta procedendo
ad una nuova indagine che vede coinvolte
le amministrazioni dei nove comuni del
Consorzio FG/4.
Secondo le fiamme gialle vi sarebbero “scel -
te gestionali discutibili” che hanno condotto
la SIA nello stato in cui è; se politicamente è
opinabile la scelta di non aver realizzato subito
il sesto lotto, il corpo di polizia tributaria
sta verificando, carte alla mano, la situazione
nera che vive la società.
Dopo aver acquisito le carte nei piccoli
Comuni - che hanno poi in certi casi non
pagato lamentando disservizi e cattiva gestione
-, l’attività investigativa si sta concentrando
su Cerignola, il comune che detiene
gran parte delle quote.
Non c’è nulla ancora di attestato, ma le
incongruenze rilevate dalla Finanza sembrano
essere diverse; dagli acquisti alle manutenzioni,
spese che - analizzate nell’arco temporale
- non trovano giustificazioni. Manutenzioni
a mezzi arrivate a costare in un anno
anche dieci volte in più del valore stesso del
mezzo.
Verbali che racconterebbero una gestione
liquida e leggera che negli ultimi anni - probabilmente
anche prima della consiliatura
guidata da Metta - ha condotto la Sia sul
baratro.

Commenti 

 
+2 # De Ruca 2018-12-20 10:29
Dall semb
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # police 2018-12-20 10:39
Michelì mi sa che è arrivato il momento
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+5 # narà narà narà 2018-12-20 10:48
dottore è arrivato il momento che stiamo aspettando da tre anni
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # Il Grillo parlante 2018-12-20 11:36
Chi cerca trova, non si può sempre liquefare e alleggerire tutto. L'importante è cercare nel posto giusto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+6 # dottòrò 2018-12-20 11:47
FINALMENTE questo è il Natale giusto, lo sarà sicuramente
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # Spartaco 2018-12-20 16:09
Come godo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # Pilippo detto Lippo 2018-12-20 17:16
Andiamo avanti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+4 # Patrizio Giugno 2018-12-21 19:12
Siamo molto competenti in materia.....di chiacchiere!!!.....ma chi lo doveva dire!!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+5 # Patrizio mughijo 2018-12-21 23:36
Presto, tardi... I nodi arrivano al pettine. Anche se uscite inlesi dalla giustizia civile... Preparatevi per quella Divina. Li niente potrete nascondere. Questo vale per i tanti "cattolici" che hanno... E che continuano a sostenere il male. SHALON.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk