Automobilisti indisciplinati (ma non solo): 3500 mute in un mese

Una vera e propria ‘mattanza’ che riguarda giustamente gli automobilisti indisciplinati. Numeri che in un solo mese fotografano una situazione di assoluta anarchia alla guida, almeno stando ai report stilati dagli uffici comunali, che hanno effettuato accertamenti sulle infrazioni al codice della strada rilevate attraverso autovelox o il sistema della videosorveglianza della ZTL.

 

Il numero di verbali emessi nel solo mese di settembre ammonta a 1857, ossia 62 multe al giorno, quindi più di due multe all’ora. La voce più corposa ricade sotto la dicitura “verbali velox emessi”, dove si raggiunge il picco di 1248 sanzioni; la ZTL, dopo l’iniziale spaesamento per i continui cambi di marcia, produce ‘poco’ in termini di multe, per complessivi 463 verbali.

In totale le somme accantonate ammontano a 392 mila euro per il solo mese di settembre per un totale di oltre 3500 verbali elevati ai danni dei cittadini. Ed è proprio sul ‘salasso’ derivante dalle multe che si sono registrati forti momenti di scontro tra la cittadinanza e l’amministrazione Metta, soprattutto per quanto concerne le contravvenzioni comminate attraverso sistemi di videosorveglianza, che sia la magistratura che la Prefettura hanno giudicato irregolari e quindi contestabili.

Ad aprile scorso il giudice di pace ha perfino disposto la condanna alle spese per l’ente comunale, visto che l’amministrazione, in maniera più o meno inconsapevole, ha adottato una pratica che non poteva permettersi. Resta da capire, dunque, se il comandante Delvino si sia adeguato ai dettami della magistratura, della Prefettura e del Ministero a cui lo stesso capo dei vigili aveva chiesto parere salvo essere poi smentito.

Fatto sta che i verbali continuano a fioccare. I ricavi, però, poche volte arrivano in cassa, perché il tasso di evasione sarebbe molto elevato. Ad annotarlo è il capogruppo del Partito Democratico Daniele Dalessandro: “Quello che sta accadendo è molto grave per due motivi. Sia perché si usa la multa come strumento per fare cassa, sia perché si drogano i bilanci del comune. Nel 2017 erano previsti ricavi dalle multe per 4.7 milioni di euro; in realtà, concretamente le multe pagate hanno raggiunto la somma di 2.1 milioni di euro. Quindi si continua a multare non accorgendosi che c’è un’evasione del 53%. Quei soldi esistono solo sulla carta: si spende il doppio e si guadagna la metà”, accusa Dalessandro.

È sulla viabilità che l’amministrazione Metta e il comando dei vigili retto da Francesco Delvino stanno spingendo, soprattutto con i continui e frequentissimi cambi di marcia nelle vie cittadine. Così, tra revoche e nuove ordinanze, i sensi di marcia in alcune zone variano quasi ogni mese mandando in confusione gli automobilisti. Alcuni dei quali assolutamente indisciplinati, se nel solo mese di settembre, appunto, il Comune ha comminato oltre 3500 verbali.

Michele Cirulli
La Gazzetta del Mezzogirono

 

 


 

 


Commenti 

 
0 # Ukkie vivl 2018-11-28 17:05
E quante sorde Miche'
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # Costantino bar 2018-11-28 18:14
Mi distraggo un secondo e becco la Ztl.
Davanti a me la signora con l'Audi e la targa straniera parcheggia dove e come vuole. È un'ingiustizia .
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

Altre Notizie

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk