VIDEO | Metta scrive ad Emiliano, ancora problemi in SIA

Crisi dei rifiuti in Capitanata, dopo che i comuni dei 5 reali Siti hanno iniziato a sversare nell’impianto TBM di Foggia, dove si sono registrate code e disguidi. Dopo la chiusura dell’impianto Forcone Cafiero, infatti, i rifiuti da trattare appartenenti al Consorzio Fg4 sono stati ridistribuiti tra Foggia e Massafra.

 

Carapelle, Orta Nova, Ordona, Stornara e Stornarella conferiscono l’immondizia a Foggia, mentre Cerignola manda i tir nel tarantino.

Condizione, quest’ultima, che ha spinto il sindaco e presidente del Consorzio, Franco Metta, a scrivere al presidente della regione Michele Emiliano per far si che venga emanata un’ordinanza con la quale si affidi la gestione degli impianti di Cerignola ad Aseco, che già ha gestito le biocelle proprio su ordine del governatore. Questa volta, però, pare che l’ordinanza non possa arrivare, se non con apposito accordo economico e tecnico tra le parti in causa.

La prassi indicata dagli uffici regionali, però, sarebbe differente ed imputerebbe al Consorzio di mettere in piedi una proposta tecnica ed economica con un ipotetico gestore, che poi sarà vagliata in via Capruzzi a Bari. La SIA è in decadenza, alcuni comuni che costituivano il consorzio – come Trinitapoli, San Ferdinando e Margherita di Savoia – hanno abbandonato la nave e si aono autodeterminati in ARO.

Salgono adesso le spese di conferimento, per Cerignola, che ha già varato un doppio aumento di Tari (il primo del +19 ed il secondo +36 in appena due anni. Ma c’è di più: il trasporto dei rifiuti a Massafra, per Cerignola, secondo stime del Comune, porterebbe ad un ulteriore incremento di costi. Con servizi pressochè scadenti.

La crisi di SIA srl, che impatta in modo eclatante sul ciclo dei rifiuti di Capitanata, interessa in particolar modo i comuni aderenti al Consorzio Fg4. Ad esempio, dopo che il presidente Franco Metta si è opposto alla costruzione del VI lotto di discarica, tutti i comuni hanno dovuto sostenere costi aggiuntivi per andare a smaltire l’immondizia in impianti diversi dal proprio.

Così, per Carapelle, il neo sindaco Umberto Di Michele si ritrova costretto a dover aumentare la TARI quasi del doppio, con costi che aumentano da 120 euro a cittadino a quasi 200 euro a cittadino. Per questo l’amministrazione di Carapelle ha inteso affrontare il punto in un dibattito pubblico con i vertici di SIA srl.

Se non riesci a vedere il video CLICCA QUI

 

 

 


Commenti 

 
+5 # meno una biglia 2018-10-25 15:24
grazie all'amico fritz ci ritroviamo con il c..o ca..to
ste chi to vutè chiù pizz d mè
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # Bruno 2018-10-27 06:57
Vuole far credrrr che si sta impegnando, e no che dice che la sia gli e la vuole fare all amico suo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # MURTATEL 2018-10-29 07:37
Emiliano lo tiene sotto scacco.... Metta non può fare niente senza il suo consenso...altrimenti finisce male.....devono togliere tutti il disturbo, andare a lavorare...è comodo tornare a fare il magistrato dopo che hai fatto il governatore...predica bene e razzola male. Come tutto il PD e il suo amico sindago.....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

La Cattiveria

 


Altre Notizie

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk