Quante balle! Parlare di infiltrazioni mafiose si può: parola di giudice

In questi giorni il dibattito politico si infervora su presunte diffamazioni. L'amministrazione comunale ritiene di essere stata diffamata da diverse personalità (da notare: tutte esterne al consiglio comunale, giusto per rimarcare l'efficacia dell'opposizione). Il punto, adesso, non è stabilire se ci sia o meno diffamazione, visto che la palla andrà ad un giudice e lo stabilirà nel merito.

 

Il punto, in questo caso, sembra essere la possibilità di parlare di determinati argomenti. Si può parlare di rischio infiltrazioni? Certo. Chi lo dice? Marchiodoc? No, niente affatto. Lo dicono i giudici proprio a Franco Metta, quando ci ha denunciati - con esiti a lui sfavorevoli e a noi favorevoli- quando abbiamo trattato quel tema tanto complicato.

Nel 2015/2016 scrivemmo questi articoli su questo argomento, il sindaco ci denunciò e...fece un buco nell'acqua. A gennaio 2018 infatti, il Pm ha disposto l'archiviazione del caso perchè la "condotta diffamatoria sofisticata" che Metta ci attribuiva...semplicemente non esisteva. Metta si oppose all'archiaviazione a anche il GIP ribadì che quel tema da noi trattato non solo era giusto nella forma ma anche nel contenuto. Infatti, i giudici scrissero: "non si evince comunque quel carattere lesivo dell’onore e della reputazione del sindaco, né della presenza di una campagna stampa persecutoria, come sostenuto dall’opponente (Metta, ndr) trattandosi di due articoli di giornale su un argomento di indubbio interesse pubblico, senza valenza personale o scandalistica".

Sentirsi offesi perchè esiste chi tratta del rischio infiltrazione è fuori dal tempo: i giudici hanno già stabilito che se ne può parlare, almeno nel caso di specie.
Piuttosto, alla giunta che si appresta a denunciare 4 o 5 persone, verrebbe da fare un quesito: ma rispetto all'interdittiva antimafia in villa per infiltrazioni, che si appresta a compiere un anno, non si ha niente da dichiarare? e perchè? Si rassegni la giunta, che si accinge a votare una delibera bavaglio: "Il GIP dispone l’archiviazione per l’infondatezza della notizia di reato", ha scritto il magistrato. E i cerignolani devono dare ascolto solo alla Giustizia, non ai permalosi o ai Metta e ai Pezzano di turno.

Piuttosto, che si replichi nel merito. Di nuovo, anche se in ritardo ma non è mai troppo tardi: sulla villa comunale, niente da dire? Metta, Pezzano, Mininni, Dercole, Bufano, Petruzzelli, Lepore, Moccia, Terenzio, Ciani, Cioffi, Erinnio, Specchio, Frisani, Marinelli, Limotta, Pizzolo, Novelli etc: potete parlare?

Michele Cirulli

 

 


 

 


 

 


Commenti 

 
+18 # Cerignolano Doc 2018-10-24 08:18
Non possono parlare altrimenti li licenzia e perdono la poltrona. Questo ciarlatano usa questi metodi per lui molto efficaci,riguardo alle denunce e querele che la giunta si appresta a formulare per tutti quei cittadini che sparleranno o commenteranno i loro post io sono uno dei primi che da oggi mi divertirò a commentare in base alle mie opinioni senza aver paura di nessuno di questi fannulloni e ciarlatani in primis sottolineando che di denunce e querele ne ho una bizzeffa figuriamoci se le loro mi fanno prendere paura,e poi quando siamo buoni noi cittadini solo a votare? Quindi io ti o votato caro Metta e io ho tutta la facoltà di esprimere a mio parere è a parole mie quello che mi piace e quello che non mi piace anche con espressioni poco consoni al tuo e vostro operato.Basta con le cazzate varie finisci il tuo mandato e alza il culo da quella poltrona e vai a casa buffone
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+15 # MURTATEL 2018-10-24 09:04
MA PROPRIO COSI'IN BASSO DOVEVAMO CADERE...? SI RICORDI IL SIG. SINDAGO CHE PROPRIO GRAZIE AGLI ATTACCHI POCO DECOROSI CONTRO I SUOI AVVERSARI POLITICI HA IMPRESSIONATO QUESTO ELETTORATO COSI' PROPENSO A FARSI PORTARE PER IL NASO COME UN TORO CON L'ANELLO....GLI ALTRI CHE GLI STANNO ATTORNO SONO NANI E BALLERINE CHE SI AGITANO O STANNO FERMI SECONDO ORDINI SUPERIORI. NON VALGONO NIENTE PRESI SINGOLARMENTE.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+6 # Che paura 2018-10-24 20:35
Ma adesso quando lo incontreremo, dovremo fare il saluto romano?? Giusto per sapere
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+4 # giacomo freddi 2018-10-25 16:39
Caro Cerignolano Doc

Esiste una grande differenza tra “Non possono parlare altrimenti li licenzia e perdono la poltrona” e il “Non devono parlare e devono condividere quanto imposto/dettato.
Da buon intenditore poche parole....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

La Cattiveria

 


Altre Notizie

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk