E' ancora battaglia all'inceneritore: ecco le tappe dell'opposizione

Il contrasto all’inceneritore ETA Marcegaglia in contrada Paglia non si ferma e, anzi, il comitato No Inceneritore punta alla raccolta fondi per promuovere azioni legali a sostegno delle tesi di opposizione al termovalorizzatore, che ricade in area di Manfredonia ma a poche centinaia di metri da Cerignola (Borgo Tressanti).

 

Gli ambientalisti, forti di un giudizio vinto contro la Provincia di Foggia che non aveva consegnato parte della documentazione richiesta, puntano a verificare la bontà di alcune decisioni e autorizzazioni concesse negli ultimi due anni.

Innanzitutto, la capacità ricettiva dell’inceneritore di contrada Paglia è aumentata dalle 135 mila tonnellate deliberate nel 2010 alle attuali 147 tonnellate, visto che il cdr da bruciare ha un potere calorifico più basso e quindi si è intervenuti aumentando la produzione. Per il Comitato questa modifica intervenuta nell’AIA “è sostanziale e quindi necessita di un procedimento diverso da quello adottato, servirebbe infatti una sorta di nuova autorizzazione e non un aggiornamento, che di solito è concesso quando si parla di modifiche non sostanziali”. Le contestazioni mosse riguardano anche le emissioni odorigene, che non sarebbero uniformate ai nuovi dettami della legge regionale del 2015 (aggiornata nel 2018) e ad altre presunte sei irregolarità che saranno discusse dal tribunale amministrativo il prossimo 6 novembre.

Dal 2010 il Comitato ha intrapreso ogni iniziativa a tutela dell’ambiente per scongiurare l’attivazione dell’impianto: cortei, manifestazioni, ricorsi, tavoli tecnici. Nel 2013, poi, l’inceneritore è entrato in funzione: “In due anni ci sono stati circa 20 stop dell’impianto, per un totale di oltre 100 giorni di attività”, specifica Matteo Loguercio dal Comitato. Per tale ragione, insieme all’associazione AmbientiAmo Cerignola, è partita una raccolta fondi per coprire le spese da sostenere in giudizio.

“Chiediamo il sostegno di tutti, visto che il tema dell’ambiente è un tema che dovrebbe stare a cuore a tutta la popolazione, che vive il disagio ambientale creato da questi impianti”, fanno notare gli ambientalisti. Nel frattempo il comune di Cerignola, insieme a quello di Manfredonia e a Foggia, sta concordando con Marcegaglia un piano di ristori ambientali. A fronte della presenza dell’inceneritore, ad esempio, a Cerignola la multinazionale finanzierà un parco giochi per bambini all’interno della villa comunale.

“La nostra battaglia non si ferma: in questo percorso avremmo dovuto quantomeno avere a fianco l’attuale amministrazione. Invece, non si è costituita in giudizio a sostegno delle nostre rimostranze, in più, con delibera di giunta dell’8 agosto scorso, accetta di presentare un progetto per le compensazioni economiche come contropartita ad un impianto inquinante nei pressi del suo territorio”, spiegano in una nota gli ambientalisti.

Michele Cirulli
La Gazzetta del Mezzogiorno

 

 

 

 

 


Commenti 

 
+1 # MURTATELL 2018-10-11 14:58
MA DI COSA STIAMO PARLANDO ? LO SAPERE CHE IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELLA ASL FG E' DIRETTO DA UN VETERINARIO, NOMINATO DA PIAZZOLLA ? ORA L'AREA DI VETERINARIA FA PARTE DEL DIPARTIMENTO, MA E' MINORITARIA RISPETTO ALLE AREE DI PERTINENZA UMANA. A MENO CHE NELLA ASL FG LE COSE NON SI SIANO INVERTITE. E VOI VOLETE CHE SI RISOLVANO LE PROBLEMATICHE DELL'INQUINAMENTO ? QUANDO EMILIANO VERRA' A FARE LA TARANTELLA A CERIGNOLA QUALCHE RISPOSTA LA DOVRA' DARE...A BARI SENTE SOLO QUELLO CHE GLI VANNO A DIRE I SUOI LACCHE'.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # MURTATELL 2018-10-11 15:06
LA REDAZIONE E' VIVAMENTE PREGATA DI VERIFICARE QUANTO SOPRA. POSSIBILE CHE NON CI SIA UN MEDICO CHE POSSA DIRIGERE IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE CHE E' FONDAMENTALE PER LA SALUTE UMANA ? LA SALUTE ANIMALE E' IN FUNZIONE DI QUELLA UMANA, E NON VICEVERSA. NELLA ASL FG TUTTI STANNO ZITTI PER RAGIONI CHE SAREBBE BENE APPROFONDIRE. SIAMO ARRIVATI ALLA FRUTTA....!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # MURTATELL 2018-10-11 15:14
VA BENE CHE IL PD STIA ZITTO PERCHE' EMILIANO NON SI TOCCA. TUTTO QUELLO CHE FA PER IL TRAMITE DEI SUOI ILLUMINATI FIDUCIARI , ANCHE LE COSE STRANE, PER IL PD E' VANGELO. MA IL M5S DOVE STA ?. QUALCHE STELLA L'HA PERSA. E SFORZA ITALIA ? TUTTI A COLTIVARE L'ORTICELLO PER CONQUISTARE POLTRONE E STRAPUNTINI PER PORTARE A CASA QUALCHE PREBENDA IN PIU'.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

La Cattiveria

 


We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk