IL PUNTO | Cerignola da Terzo Mondo, serve più Stato

| IL PUNTO | Il foggiano è tra le prime province in Italia per il traffico illecito di rifiuti: Cerignola, sin dalla fine degli anni 90, è stata interessata da inchieste per il tombamento dei rifiuti nelle campagne di Pozzo Monaco o in zona Diga Capacciotti.

 

Il meccanismo è quello del sandwich, raccontato dai pentiti napoletani del clan dei Casalesi, ed è proprio quel panino velenoso ad aver inquinato – e ad inquinare ancora oggi – l’agro cerignolano, il terzo in Italia per estensione e grandezza.

Cerignola è un caso nazionale, così come lo sono I 5 Reali Siti. La monnezza è un business irrinunciabile perchè dietro le tonnellate sepolte sottoterra ci sono giri milionari di soldi e affari. Anche di morte, malattia e sofferenza. A parte i proclami – tra l’altro isolati- nessuna forza politica riesce o vuole imporre il tema degli illeciti ambientali nell’agenda politica.

Ci si dovrebbe sedere a tavolino per studiare una forma di contrasto allo sversamento dei rifiuti. Si dovrebbe creare un ponte con le istituzioni nazionali per ottenere fondi speciali per la bonifica dei numerosi siti inquinati, perchè a processo finito in molti casi non c’è possibilità di arrivare alla sanificazione delle cave. 

E alle pene ridicole imposte da legge, si aggiunge la beffa delle bonifiche mancate. Tutto questo non trova spazio sui media, negli interventi di maggioranza e opposizione. Mentre dal napoletano, dalla Terra dei Fuochi, l’avviso rimane lo stesso da almeno 5 anni: “I nostri camion arrivano da voi nel foggiano, attenzione”.

Di questo la politica dovrebbe farsene carico in maniera certa e determinata. Non una parola dell’europarlamentare Gentile, che tra Campania e Capitanata ha preso i voti per farsi eleggere a Bruxelles; non una parola di Metta, che dispensa invece elogi per sagre e festicciole. Non una presa di coscienza seria delle opposizioni e dei partiti extragovernativi, che invece dovrebbero incalzare i loro deputati di riferimento affinchè la situazione arrivi direttamente a Roma, ai tavoli del governo. Invece dai big romani c’è solo una processione perenne per spuntare candidature o innescare guerre fratricide nei partiti. E' arrivata l'ora che il cittadino inizi a ripudiare il proprio eletto, se l'eletto non si occupa della salute della propria gente.

L’insipienza della classe politica locale è ormai ad un punto di non ritorno. C’è bisogno che i cittadini, svincolati da padrini e padroni, si riapproprino dei propri spazi e della propria salute. È il caso che chi non si adoperi per le vere urgenze del territorio venga considerato nemico stesso del territorio e non più semplice avversario. Di rifiuti si muore. Che siano sottoterra o accatastati in zona industriale. E nessun credo o tifo politico vale la salute.

Per questo serve più magistratura, più cittadinanza attiva e più Stato, per liberarci dal livellamento al ribasso che questa politica – trasversalmente- ci propina quotidianamente per nascondere la propria inadeguatezza alla risoluzione dei veri problemi.

Michele Cirulli

 

 

 

 


Commenti 

 
+4 # Cerignola 2018-07-10 21:20
Ma se a cerignola non si parla di emergenza (non dei rifiuti) ma sanitaria proprio!!!!! Mosche zanzare topi e scarafaggi qui hanno la cittadinanza. Potremmo consegnare a loro le chiavi di Cerignola ! Prossimo consiglio comunale portiamo una manciata di scarafaggi a tutti i consiglieri comunali come DONO della città
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # MURTATELL 2018-07-10 21:29
Citazione Cerignola:
Ma se a cerignola non si parla di emergenza (non dei rifiuti) ma sanitaria proprio!!!!! Mosche zanzare topi e scarafaggi qui hanno la cittadinanza. Potremmo consegnare a loro le chiavi di Cerignola ! Prossimo consiglio comunale portiamo una manciata di scarafaggi a tutti i consiglieri comunali come DONO della città

CHE L'AMMINISTRAZIONE SIA QUELLO CHE E', NON CI PIOVE. MA I PALADINI DELLA OPPOSIZIONE , CHE FANNO TEATRINO SUL PALCO DAVANTI ALLA VILLA SI MANTENGONO SOPRA SOPRA COME L'OLIO....O COME ALTRO....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+12 # Fede 2018-07-10 22:46
Complimenti per l'articolo. Purtroppo, a Cerignola regnano sovrani l'ignoranza e il malaffare. Noi cerignolani siamo una massa di pecoroni che non prende mai posizione, che non fa il pelo e il contropelo a chi ci male amministra...ai cerignolani interessa dare il voto a chi offre un misero posto di lavoro( magari a nero), a chi offre 4 spiccioli...ma poi se ne frega altamente della propria salute e di quella dei propri figli. Cerignola è una città perduta...terra solo di degrado...e mai , Cerignola è caduta così in basso.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+7 # giacomo freddi 2018-07-11 07:44
Mi....permetta crea,a suo piacimento un video come il tizio che dopo aver trasbordato l'immondizia dalla sua macchina al cassonetto, deposita una porta, riparte, inverte la marcia ripassa davanti allo stesso cassonetto e guarda caso non si immortala la targa. Come l'ordinanza dell'arco temporale per buttare i rifiuti (dalle 20 alle 4.0 del mattino) E' Stato mai visto un addetto al controllo? Basta che si affaccia ad una finestra del Comune per vedere gli addetti al bar antistante al Palazzo di Città che alle ore 17,00 confluiscono bustoni stracolmi di immondizia nei cassonetti ubicati alle spalle dell'ex liceo classico. Condivido circa l'affermazione di Fede: Noi cerignolani siamo una massa di pecoroni che non prende mai posizione, che non fa il pelo e il contropelo a chi ci male amministra.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

Altre Notizie

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk