Caso Delvino: sindaco, giunta e dirigenti rischiano il processo

L’assunzione del comandante dei vigili urbani, Francesco Delvino, è il nuovo grattacapo per l’amministrazione Metta, raggiunta dall’avviso di conclusione delle indagini sul caso della assunzione senza concorso del capo della polizia urbana. In venti giorni gli uffici legali dovranno produrre delle memorie difensive e, se non dovessero essere considerate soddisfacenti, si andrà a processo.

 

L’avviso, notificato il 27 giugno dalla guardia di finanza, riguarda anche tutti coloro che hanno posto parere favorevole sulla delibera 239 del 27 settembre 2018.

Quell’atto fu votato all’unanimità dal sindaco Metta, dal vicesindaco Pezzano, dagli assessori Dercole, Bufano, Marino (oggi dimissionaria): tutti sono stati raggiunti dall’avviso di conclusione delle indagini, meno che gli assessori Lionetti e Petruzzelli assenti in quella seduta di giunta. Coinvolto anche il dirigente Giovanni Buquicchio che sul testo ha apposto  parere favorevole sia tecnico che contabile. Sul caso della stabilizzazione del comandante Delvino vi fu un esposto del  consigliere comunale Teresa Lapiccirella, che è all’opposizione dell’amministrazione Metta.

“Il Comune di Cerignola ha seguito una regolarissima procedura per la selezione di personale già utilizzato in posizione di comando presso gli uffici comunali. Il Dirigente è già dipendente della Pubblica Amministrazione, vincitore di altro concorso, assegnato per la funzione presso il Comune di Cerignola. Con il contributo professionale del Segretario Generale del Comune di Cerignola e del Dirigente al Personale sono stati adottati gli atti formali necessari, quotidianamente usati presso ogni Comune. L’amministrazione presenterà le memorie a riguardo, spiegando la correttezza della procedura adottata. Abbiamo massima serenità che ci deriva dalla consapevolezza di aver sempre operato legittimamente”, spiega il sindaco Franco Metta. I nervi a Palazzo di Città, soprattutto per gli assessori coinvolti, sono però tesi.

Tanto che nei giorni scorsi lo stesso comandante Delvino è intervenuto sul tema: “Esprimo innanzi tutto profondo rammarico per essere stato involontariamente causa di tale disguido. All'epoca dei fatti in oggetto ero l'unico dipendente del Comune con qualifica dirigenziale di ruolo. Esprimo il sincero auspicio che chiariti ampiamente i termini di questa incresciosa vicenda, i destinatari della comunicazione di conclusione delle indagini non debbano preoccuparsi per l'inconveniente”, dice Delvino che parla di “strumentalizzazioni” ai danni dei coinvolti.

Delvino fu accolto a Cerignola da una petizione che ne chiedeva la revoca dell’incarico a causa del suo arresto a Frosinone per un caso di presunta corruzione. “Se la magistratura è intervenuta vuol dire che ha elementi validi. Grave parlare di strumentalizzazioni, perché l’intervento della magistratura non può essere definito strumentale. Se gli atti sono regolari i coinvolti non si devono preoccupare, ma devono lasciar fare il proprio corso alla Procura della Repubblica e alla magistratura contabile, perché su questo tema ho interessato anche la Corte dei Conti. Un ringraziamento alla Guardia di Finanza”, dice Teresa Lapiccirella, che ha firmato gli esposti.

Michele Cirulli

 

 

 


Commenti 

 
+13 # ricchio 2018-07-04 06:56
Rischiano il processo ? E' una certezza dopo l'avviso di conclusione indagini. Non è mai successo, sebbene in teoria il codice lo consenta, che dopo l'avviso di conclusione indagini (emesso dalla Procura) la Procura richieda l'archiviazione. Quindi, al netto di ogni commento, se il reato ipotizzato dovesse essere, come credo, quello di abuso d'ufficio vi sarebbero motivi, secondo la legge severino, che impedirebbero ex lege al sindaco di ricandidarsi.
Oddio per la verità ve ne sarebbero un mare di motivi, di opportunità e di dissenso, ma è inutile contare su questioni che dipendono dal buon senso. Dunque speriamo che si riesca a liberarsi di questa amministrazione perché in due anni finirebbe di ucciderci. Se solo penso alla campagna elettorale costruita sui rifiuti e sui motivi dell'incremento dei tumori a cerignola mi viene da piangere.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+5 # TERESA 2018-07-04 14:18
Citazione ricchio:
Rischiano il processo ? E' una certezza dopo l'avviso di conclusione indagini. Non è mai successo, sebbene in teoria il codice lo consenta, che dopo l'avviso di conclusione indagini (emesso dalla Procura) la Procura richieda l'archiviazione. Quindi, al netto di ogni commento, se il reato ipotizzato dovesse essere, come credo, quello di abuso d'ufficio vi sarebbero motivi, secondo la legge severino, che impedirebbero ex lege al sindaco di ricandidarsi.
Oddio per la verità ve ne sarebbero un mare di motivi, di opportunità e di dissenso, ma è inutile contare su questioni che dipendono dal buon senso. Dunque speriamo che si riesca a liberarsi di questa amministrazione perché in due anni finirebbe di ucciderci. Se solo penso alla campagna elettorale costruita sui rifiuti e sui motivi dell'incremento dei tumori a cerignola mi viene da piangere.

CONDIVIDO IN TOTO….AGGIUNGEREI ANCHE "A PEZZANO...O QUALCUN ALTRO DI CANDIDARSI"
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # ricchio 2018-07-04 14:21
non scherzare
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+6 # TERESA 2018-07-04 14:37
PRECISO: "LA CONDANNA IMPEDIREBBE A PEZZANO O AL FIGLIUOL PRODIGO DI CANDIDARSI"....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+11 # TERESA 2018-07-04 07:41
PECCATO NON CI FOSSERO IN GIUNTA QUEL GIORNO ANCHE LIONETTI E PETRUZZELLI, ASSESSORI A LORO INSAPUTA
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-4 # Pinuccio Bruno 2018-07-04 10:11
E’ nell’animo di tantissimi Cerignolani di buon senso che venga VERAMENTE fatta luce sul caso in questione. Ma la realtà italiana ci porta a dedurre che tutto potrebbe finire in una bolla di sapone. Il vero peccato è quello originale. Ovvero, quello commesso dal Sindaco Metta nell’aver assunto a suo tempo una persona che , magari pur avendo doti “eccellenti” nel suo campo d’azione, non meritava per ben noti motivi di essere presa in considerazione prima di una sentenza definitiva. Nel dubbio (a mio parere), andava adottato un altro criterio di scelta nella nomina di un dirigente che poi DOVEVA INDOSSARE UNA PRESTIGIOSA DIVISA. A tal proposito, tempo addietro sono stati effettuati alcuni tentativi per revocare l’incarico ( ricordo a me stesso, che l’assunzione definitiva era subordinata al periodo di prova positivo) tra cui la opposizione da parte di Pezzano, allora consigliere di maggioranza del gruppo Confederazione- di cui più nessuno ne parla- (continua)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-3 # Pinuccio Bruno 2018-07-04 10:27
(prosecuzione di cui sopra) e la petizione da parte dei “giovani” consiglieri del Partito Democratico. Pezzano , poi è stato promosso Assessore alla Politiche Sociali dopo aver alzato la mano all’assunzione definitiva del Dirigente . E della petizione nessuno ha più saputo nulla , a dimostrazione della consistenza politica dei citati giovanotti.
Per quanto riguarda il resto dei partiti locali, meglio depositarvi su una pietra tombale. Plaudo alla Consigliera Teresa Lapiccirella per aver avuto dignità, senso delle istituzioni e nell’aver posto il problema all’attenzione della Magistratura. Ed infine, facile verificare ogni giorno come Cerignola rimanga "impalata", immobile, dovuto al carattere indifferente e per certi versi omertoso. La logica conseguenza, porta i suoi cittadini a piangersi addosso, anche per tante altre importanti rivendicazioni mancate. Spero in un sussulto di orgoglio , sia pure nel mio scetticismo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+10 # Ricchio 2018-07-04 13:37
Spero che questo avviso serva a far capire almeno ai dirigenti che per i prossimi concorsi dovranno essere scrupolosamente osservate le regole di trasparenza ed imparzialità e garantita la meritocrazia. Quindi per l’imminente concorso da dirigente e quelli a venire da vigili urbani e operatori amministrativi dovrebbe farsi ricorso ad una società esterna per intenderci come hanno fatto a Trinitapoli. Diversamente avremo i soliti vincitori figli di attuali dipendenti (vigili impiegati ecc). Noi cittadini onesti vorremmo poter far concorrere i nostri figli in condizioni paritarie a quelli dei politici e dei dipendenti. Questa è la base della democrazia e di una buona macchina amministrativa.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # giacomo freddi 2018-07-05 10:41
Citazione Ricchio:
Spero che questo avviso serva a far capire almeno ai dirigenti che per i prossimi concorsi dovranno essere scrupolosamente osservate le regole di trasparenza ed imparzialità e garantita la meritocrazia. Quindi per l’imminente concorso da dirigente e quelli a venire da vigili urbani e operatori amministrativi dovrebbe farsi ricorso ad una società esterna per intenderci come hanno fatto a Trinitapoli. Diversamente avremo i soliti vincitori figli di attuali dipendenti (vigili impiegati ecc). Noi cittadini onesti vorremmo poter far concorrere i nostri figli in condizioni paritarie a quelli dei politici e dei dipendenti. Questa è la base della democrazia e di una buona macchina amministrativa.

Non lo farebbero mai!!!! I debiti come si saldano?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # De Ruca 2018-07-04 23:03
Ne madonna m.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # GIUSTIZIA 2018-07-05 06:52
scusate qualcuno mi sa dire che fine ha fatto Walter Scerbo ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Pierfrancesco 2018-07-09 10:29
E' oramai EVIDENTE che tutte le ambiguità relative a questi signorotti e annesse vicende riguardanti loro (e non solo) sono oramai venute alla luce del sole, per un motivo o per un altro.
DEMAGOGIA allo stato puro, di questo è stato protagonista il leader dell'ormai noto partito politico (se cosi lo si può definire).
Ma il punto è: nella nostra amata Cerignola vi è la presenza di uno schieramento che davvero sia COMPETENTE e che DAVVERO possa garantire una guarigione alla città tutta?
Io personalmente, a malincuore, debbo dire che ho i miei DUBBI.
Porgo i miei saluti alla redazione e alla cittadinanza tutta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

Altre Notizie

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk