Metta diffidato, rifiuti all'interporto: Procura in allerta

La Asipu di Corato assobirà i 300 dipendenti della Sia srl e non vi sarà alcun licenziamento; poi la Regione individuerà una ditta pubblica che dovrà gestire l’impiantistica (probabilmente continuerà Aseco), visto che i nove sindaci del Consorzio “si dicono impossibilitati a far fronte alle prescrizioni” fino ad ora ricevute.

 

È questo l’esito dell’incontro tenutosi venerdì in Prefettura alla presenza dei primi cittadini del CIA Fg4, del commissario dell’Ager Puglia Gianfranco Grandaliano, del Prefetto Massimo Mariani e dell’assessore regionale Giovanni Giannini che ha seguito l’intera vicenda SIA sin dalle prime battute. “Questa emergenza può dirsi positivamente conclusa: ci sarà la salvaguardia dei posti di lavoro, la salvaguardia delle retribuzioni dei lavoratori e con la garanzia del servizio che sarà garantito dalla Asipu e non più dalla SIA.

Entro la settimana prossima ai lavoratori sarà pagato lo stipendio di giugno, sarà attivato immediatamente l’impianto per consentire di smaltire i rifiuti raccolti e i comuni adesso si stanno attrezzando per risolvere l’emergenza dei sacchetti per strada”, ha commentato l’assessore Giannini. Nel frattempo la raccolta è partita a rilento anche nel comune di Cerignola, che era stato l’ultimo ad emettere ordinanze per la raccolta. Per questo l’amministrazione ofantina è stata diffidata dall’Agenzia regionale ai rifiuti per l’intempestività degli interventi volti a “scongiurare emergenze di carattere igienico sanitario”. Il ritardo degli atti non sottoscritti da Metta in tempi rapidi, ma solo dopo le intimazioni regionali e mentre tutti gli altri comuni avevano già avviato la raccolta tramite ordinanza, è quindi materia della Procura della Repubblica.

Di pari passo, la mole spropositata di immondizia per strada ha determinato nuove strategie di intervento, ed è per questo che il Presidente del Consorzio Fg4, nella sua veste di sindaco di Cerignola, ha disposto che l’interporto diventi sito di stoccaggio temporaneo: “Con mia ordinanza di ieri a tarda ora ho consentito la trasferenza dei rifiuti provvisoriamente anche presso i capannoni dell'Interporto. Il problema non è solo raccogliere, ma anche disporre di siti per scaricare. Noi ne abbiamo a disposizione. Ma considerata la emergenza non bastano”, informa Franco Metta.

Le maestranze rimangono in attesa degli stipendi di maggio, giugno e della quattordicesima ed è per questo che bisognerà far fronte ai pignoramenti affinchè siano sbloccate tutte le somme: una procedura, quest’ultima, che dovrebbe portare via meno di una settimana dopo che i sindaci hanno messo nero su bianco il loro impegno in Prefettura. I lavoratori – una cui delegazione ha atteso a Foggia gli esiti del summit- si dicono soddisfatti: “CI siamo liberati di questi nove sindaci. Ci hanno presi in giro. A noi la soluzione Asipu va bene, l’importante è che questi nove sindaci spariscano dalla gestione”, è il commento a caldo dei dipendenti al di fuori della Prefettura. Adesso i sindaci saranno chiamati ad un’altra sfida: dovranno adeguare i contratti per pagare Asipu (circa 18 milioni): ulteriore stangata Tari in arrivo per i cittadini.

Michele Cirulli

 

 

 

 


Commenti 

 
+3 # Ospite 2018-07-01 17:20
E chi glielo dice a Di Feo & C.che devono adeguare i contratti; si sono tanto battuti in questi anni, si sono stracciati le vesti, hanno perso cause, hanno detto che l'adeguamento dei contratti non sarebbe servito a nulla (nella strana convinzione che siano meglio € 17-18 Mln di debito che €3-4 Mln)...abbiamo dovuto aspettare il disastro (a chissà se adegueranno)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+10 # Ghino di cacca 2018-07-02 07:19
Pagheremo di piú evviva il sindaco che si oppose al VI lotto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+8 # osservatore 2018-07-02 08:57
Questa é la.logica conclusione della gestione alla garibaldina del problema,gira gira il cetriolo sempre in quel posto al cittadino deve andare pero non è giusto qui qualcuno ha sbagliato alla grande e deve darne conto alle autorità se Cerignola fosse una citta meno imbelle la prefettura si sarebbe mossa spinta dalla popolazione ma qui si tira a campare.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+8 # gianni 2018-07-02 13:28
una domanda: come mai non si sente o legge una parola sulla stampa - in merito alla vicenda - da parte della dirigenza tecnica della SIA ??
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-6 # Jason 2018-07-03 11:15
Quindi eravate a favore della costruzione del VI lotto? Prima vi lamentate che Cerignola puzza di morte, poi chiedete il VI lotto dove altri comuni avrebbero continuato a versare rifiuti ed inquinare la nostra città. Poca coerenza nei commenti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # GIUSTIZIA 2018-07-05 07:08
scusate qualcuno mi sa dire che fine ha fatto Walter Scerbo ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

Altre Notizie

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk