Grandaliano al Prefetto: “Metta non può variare il flusso dei rifiuti”

Mentre si attende il perfezionamento della nuova società che dovrebbe sostituire Sia srl nella raccolta e nello smaltimento dei rifiuti nei 9 comuni del Consorzio Fg4, l’agenzia regionale guidata dal commissario Gianfranco Grandaliano blocca ogni tentativo di modificare i flussi dei rifiuti.

 

Il sindaco di Cerignola, Franco Metta, con relativa ordinanza poi revocata, infatti, aveva incaricato due ditte private – la Laveco ed Ecodaunia – di prendere il posto della SIA srl nei giorni di sciopero dei lavoratori della società in house.

Con le strade stracolme di rifiuti e nei giorni di forte smarrimento delle maestranze SIA, il presidente del Consorzio ha incaricato i privati “con effetto immediato contingibile ed urgente di provvedere con propri mezzi e personale alla raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani e assimilati del territorio della città di Cerignola, ad integrazione e supporto del servizio già svolto dalla SIA Fg4”. L’ordinanza sindacale, seguita dalla revoca, avrebbe ottenuto il duplice effetto di sgomberare le strade dall’immondizia e di variare i quantitativi da immettere negli impianti.

Una circostanza, quest’ultima, assolutamente non accettata dall’agenzia regionale ai rifiuti di Gianfranco Grandaliano, che ha scritto non solo al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, ma ha dato notizia di ciò che è successo nella città di Di Vittorio anche alle forze dell’ordine e al NOE di Bari.

“Non risulta nelle competenze attribuite al Sindaco il potere di disporre la determinazione dei flussi dei rifiuti, nonché apportare variazioni nei limiti autorizzativi giornalieri di conferimento presso gli impianti di trattamento/smaltimento dei rifiuti. In merito alla organizzazione dei flussi di rifiuti sul territorio regionale le competenze sono attribuite alla scrivente Agenzia”, scrive Grandaliano, “mentre eventuali variazioni ai limiti quantitativi di rifiuti conferibili negli impianti possono essere disposte solo dal Presidente della Regione”.

Infatti, secondo l’ordinanza prima sottoscritta poi ritrattata, Metta aveva anche “imposto” all’ASECO, che gestisce l’impiantistica, di accettare nelle biocelle i rifiuti “anche oltre i limiti standard giornalieri prescritti, sia da parte della SIA che delle società Ecodaunia e Laveco”. L’opposizione a questo iter, da parte di Ager, è netta: “Ad ogni buon conto si evidenzia il mancato rispetto del contenuto della Circolare del Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare dell’Aprile 2016 con la quale sono stati forniti espliciti chiarimenti in merito alle procedure di cui al richiamato art. 191. Pertanto – conclude Grandaliano-  si invita il Sindaco di Cerignola a non adottare provvedimenti che esulano da competenze ad esso attribuite dalla Legge”. Il prossimo step, adesso, è la costituzione di una nuova società che tenga dentro i 300 dipendenti e possa supplire Sia anche in merito all’AIA del 2014.

Michele Cirulli

 

 


Commenti 

 
+4 # Senza speranze 2018-05-25 07:18
Al netto di congetture se ne può ricavare che l'amministrazione è assolutamente incapace di gestire il paese ma grandaliano non mi pare un filantropo vedo tempi duri per il paese. Saremo sommersi di rifiuti e quando gli operai capiranno che dovranno accettare l'azzeramento dei livelli succederà il casinò. Grazie a tutti in particolar modo a questa è alla precedente amministrazione
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # Pippo Balto 2018-05-25 11:39
E...sempre avanti a testa alta, Franco stoccali nel canile i rifiuti...vuoi vedere che sono prima i cani che i cerignolani...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Agrario e rifiuti 2018-05-27 09:45
Franco, dalla semb, metti i rifuti su qualche terreno dell'agrario che non serve.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

La Cattiveria

 


Altre Notizie

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk