Mozione di sfiducia per Metta: "Aspettiamo Forza Italia"

“È evidente come la firma del Sindaco Metta della richiesta di intervento rivolta alla Regione Puglia per la gestione del servizio di raccolta dei rifiuti rappresenti non solo l‘ammissione del fallimento di SIA ma anche una resa incondizionata dello stesso Metta e della sua giunta”, fanno sapere in una nota stampa i consiglieri comunali del centrosinistra.

 

“Firmando quella richiesta di aiuto rivolta alla Regione Puglia Metta ha certificato la sua incapacità totale alla gestione delle politiche ambientali, che sono state una sua bandiera durante la campagna elettorale e in questi tre anni di Amministrazione,  e che oggi si sono trasformati in un disastro ecologico, con rifiuti per strada e relativa emergenza sanitaria, e in un disastro sociale, con 300 famiglie legate a SIA che oggi vivono il dramma di un futuro incerto. A nulla sono serviti tre anni di opposizione responsabile dove ad ogni Consiglio Comunale abbiamo cercato di convincere Metta della possibilità del VI lotto e di altre strategie come la ricapitalizzazione.

Proprio perché ha caratterizzato cosi tanto il suo mandato su questi temi e proprio perché su questi temi ha fallito, il centrosinistra unito ha chiesto al Sindaco Metta di dimettersi, il quale - in tutta risposta e quasi sfottendo la città - ha annunciato la sua ricandidatura cercando di distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica da SIA a queste sciocchezze politichesi”.

“Ad oggi – continuano i consiglieri – non pervenute le dimissioni, il centrosinistra ha deciso di approntare una mozione di sfiducia da discutere e votare in Consiglio Comunale. Al fine delle presentazione della mozione sono necessarie almeno 10 firme da raccogliere tra i consiglieri. Il centrosinistra con le firme di Teresa Cicolella, Daniele Dalessandro, Maria Dibisceglia, Annamaria Mirra, Marcello Moccia, Mario Rendine e Tommaso Sgarro, più la consigliera indipendente Teresa Lapiccirella, arriva ad un totale di 8 firme, per queste ragioni abbiamo chiesto il coinvolgimento dei consiglieri di Forza Italia e siamo in attesa di un risposta”.

“Adesso – concludono i consiglieri – per i lavoratori SIA e per la gestione del servizio di raccolta si apre una fase delicatissima che dovrà tenere insieme la dignità e la salvaguardia dei livelli occupazionali unitamente alla riorganizzazione del servizio stesso. Data l’importanza delle trattative e delle decisioni che si dovranno prendere, è necessario capire se il Sindaco Metta, spogliato della sua autorevolezza e vittima della sua arroganza, goda ancora della fiducia della maggioranza del Consiglio e della Città. Ai consiglieri di maggioranza chiediamo una seria riflessione su quanto accaduto ed una profonda assunzione di responsabilità che vada oltre i piccoli legittimi interessi di comunità rispetto ad uno sguardo più ampio su questi tre anni di Amministrazione Metta”.

 

 


Commenti 

 
+8 # Salvino 2018-05-16 16:34
Sedere aspettate voi che i consiglieri di FORZA ITALIA pongano la firma
Con quella fame che si ritrovano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+7 # Ospite 2018-05-16 18:50
La mozione di sfiducia andrebbe fatta per una marea di altre cose poco chiare nella gestione del Comune. L'opposizione, invece, lo attacca sull'unica cosa su cui è evidente che le responsabilità siano da ricercarsi molto indietro nel tempo e, soprattutto, siano collegiali. Per l'ennesima volta chiedo in quale atto o quale comportamento ostruzionistico sia stato posto da Metta in veste di Presidente del Consorzio. Perché a chiacchiere ha cavalcato il no al VI lotto da Sindaco, ma appena 9 mesi dopo ne aveva ammesso l'importanza strategica e proprio per questo Sgarro ne sottolineava (giustamente), deridendolo, l'incoerenza.
Quanto alla ricapitalizzazione, se c'è una cosa che è emersa chiaramente è che gli altri Sindaci, soprattutto i tre della BAT, non avevano alcuna intenzione di pagare e chiedere di più ai propri cittadini. Poco importa che la ricapitalizzazione non la fai coni soldi della TARI, sempre soldi in più devi cacciare.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

Altre Notizie

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk