La bellezza del greco per conoscere se stessi, Andrea Marcolongo a Cerignola

L’istituto di via Foullereau diretto da Giuliana Colucci si dimostra nel pieno del vigore, al netto di una mattinata passata all’insegna dell’esaltazione delle lingue classiche e della scoperta delle proprie forze. Il Liceo Classico Nicola Zingarelli ha avuto l’onore di ospitare lo scorso 10 aprile la cultrice del greco e scrittrice con trascorsi nella comunicazione politica Andrea Marcolongo, giovane e valente autrice del già indiscusso best-seller La Lingua geniale, tradotto in 22 lingue di tutto il mondo.

 

Andrea Marcolongo ha da poco licenziato per il pubblico un secondo libro, la cui presentazione ha suscitato un’accesa partecipazione delle classi intervenute a Teatro Mercadante, che hanno dialogato con cognizione di causa  e con franchezza con la scrittrice cremasca, durante il dibattito condotto dal prof. Gianfranco Claudione, coadiuvato dal prof. Gianluigi Panella. Non a caso, data la predilezione che la Marcolongo nutre nei confronti dello stile interlocutorio, che la porta a rispondere con rapidità e convinzione tramite i suoi canali social, attestandosi come la scrittrice italiana con più cure verso il suo audience.

I ragazzi hanno potuto interloquire con una giovane donna rispettosa del potenziale insito nella gioventù, troppe volte sminuito dal mondo degli adulti con banali pregiudizi. “I giovani sono sottovalutati, invece voi siete la più grande speranza di questo Paese chiamato Italia, grazie ai vostri insegnanti. L’unica differenza con gli adulti è che siete figli della crisi, ma siete in questo la prima generazione chiamata a scegliere cosa fare e cosa essere”.

Altro aspetto largamente apprezzato dai convenuti è stata la sua volontà di andare oltre la pedanteria libresca a favore di un percorso che utilizzi la letteratura greca come mezzo e non come fine per una riscoperta del proprio io più profondo. Una parte di sé che è alimentata in primis dal sentimento d’amore : “Ho scelto il mito degli argonauti perché è legato all’amore. L’eroe è chi ha il coraggio di innamorarsi di nuovo, dopo il fallimento. Oltre al vello d’oro, essi trovano l’amore”, dice riferendosi al colpo di fulmine dai risvolti drammatici consumatosi tra Giasone e Medea, “Il mito non è vecchio, non smette mai di dirci qualcosa. L’amore è la forza trainante che ci porta a superare i limiti. Per me l’amore è salvezza, il compito primo per cui siamo al mondo. Sono sta fortunata perché mi sono innamorata. Quell’amore ha permesso che io mi mettessi in viaggio verso il mio vello d’oro, la scrittura. Quando ti innamori vedi solo il bello della vita”.

Altro tema cardinale del libro, ibrido in quanto a metà tra divulgazione e autobiografia, è la rivisitazione del concetto di eroismo, che secondo Andrea Marcolongo è caduto preda di una demistificazione fin troppo lunga. “Nelle Argonautiche Giasone ha paura, che è un atto di eroismo. Il coraggio viene dal fallire, e di andare avanti. Mi ha colpito un eroe che piange, che è debole. Io sono affascinata dalla sua fragilità, mi ricorda tutti noi. Raccontare che l’eroe è colui che vince, è perfetto, è esattamente il messaggio opposto”.

La nostra domanda, a margine del festoso incontro, viene accolta da un radioso sorriso e dalla consueta calma con cui risponde abitualmente. Quando chiediamo un consiglio per dare ai giovani una bussola per orientarsi nel mondo d’oggi, lei risponde con sincerità : “Farei proprio come Giasone. Intanto non essere da soli e avere il coraggio di scoprire chi si è, e non tradirsi mai, perché non esistono cattivi maestri che ci possano cambiare quando sappiamo veramente chi siamo. La cosa più agghiacciante per un greco antico sarebbe sapere che la politica è considerata una cosa brutta, oppure scambiare l’ordinaria amministrazione per i cassonetti o le buche per strada. Invece la politica è una visione del mondo. Oggi la politica è diventata un navigare a vista”.

Enrico Frasca

 

 


Commenti 

 
+7 # Paoluccio 2018-04-12 12:36
Fateli studiare incompetenti. Se non ci fosse l’istituto d’arte lo Storico dliceo Zingarelli sarebbe già morto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+6 # Nessuno 2018-04-15 11:16
Hai ragione Paoluccio ... l’attuale dirigente ha decretato la morte dello storico liceo classico
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+7 # pierino 2018-04-16 09:53
Per forza il Liceo classico è morto ... stanno sempre a giocare invece di studiare.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+5 # Tommasino 2018-04-16 15:20
Ora con il liceo quadriennale si diplomeranno tanti ignoranti. E vai col liscio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

La Cattiveria

 


Altre Notizie

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk