VIDEO | Multe illegittime: F.I., FdI e PD all'attacco

Non mancano le polemiche dopo il pronunciamento del giudice di pace, uniformandosi agli indirizzi del Ministero dell’Interno e della Prefettura di Foggia, ha dichiarato illegittime le contravvenzioni per divieto di sosta effettuate tramite l’occhio elettronico della videosorveglianza e non attraverso la presenza diretta dell’operatore di polizia municipale.

 

È stata così sconfessata, ancora una volta, la tesi del duo Delvino-Metta che sulle infrazioni al codice della strada aveva conservato in bilancio poste fino a 6 milioni di euro (parte delle quali derivanti proprio dalla videosorveglianza).

“Siamo di fronte all’ennesimo scivolone di questa amministrazione facilona che intendeva far cassa sulle spalle dei cittadini. Quindi non si tratta solo del fallimento di un tecnicismo giuridico, ma anche il fallimento di un espediente di bilancio che evidentemente non ha portato i frutti sperati. Spero che – dice Gianvito Casarella di Fratelli di Italia- qualcuno ne prenda seriamente atto oggi, oltre la prosopopea e oltre la presunzione di bravura e paghi anche politicamente riconoscendo gli errori fatti, magari anche soltanto per raddrizzare il tiro”.

Anche Forza Italia, attraverso il coordinatore locale Pietro Barbaro, interviene sul tema “multe illegittime”: “Prendo atto del pronunciamento del giudice di pace. La condanna alle spese dell’Ente comunale dà ancora più forza al ricorso presentato dai cittadini. Spero che il comune prenda atto e provveda in autotutela ad annullare le multe per cui ci sono giudizi pendenti. Siamo rammaricati perché per i tanti che hanno pagato ingiustamente non ci sarà nessun ristoro. D’altra parte, però, bisogna contestualizzare l’accaduto: parliamo di multe per divieto di sosta ed una condanna come altre già verificatesi altrove, ad esempio sugli autovelox. Certo, c’è da dire che questo pronunciamento è ancora più efficace di quanto già espresso dalla Prefettura”.

“Sono anni che i consiglieri di centrosinistra sollevano l’illegittimità delle multe comminate per il tramite della strumentazione di videosorveglianza. Sono anni che ne denunciamo, oltre il profilo giuridico, anche l’opportunità politica di scelte economiche e tributarie che spremono il cittadino fino all’osso, come fatto con l’aumento della TARI (+18% solo nel 2017) e con una campagna massiva di queste discutibili infrazioni stradali elevate a distanza e bocciate da Ministeri, Prefetture e Giudici di Pace ai quali noi abbiamo chiesto pareri. Oltre al danno si aggiunge la beffa: Metta ha deciso di affidare la riscossione delle entrate tributarie e patrimoniali per cui bisogna avviare il recupero del credito, quindi tasse e multe non pagate, all’ex Equitalia, che ora si chiama Agenza delle Entrate – Riscossione ma che sostanzialmente è la stessa cosa”, commenta il capogruppo del Partito Democratico in consiglio comunale, Daniele Dalessandro.

“Questa è la prima sentenza in Italia su un caso simile, anche se sulla questione si avevano pareri e notizie già dal 2014. È una questione di giustizia nei confronti dei cittadini- aveva detto l’avvocato Nicola Netti, promotore dei ricorsi-  anche perché il giudice ha disposto la condanna alle spese per l’ente comunale, visto che l’amministrazione, in maniera più o meno consapevole, ha adottato una pratica che non poteva permettersi”.

Michele Cirulli

Se non riesci a vedere il video CLICCA QUI


 

 

 

 

 

 


Commenti 

 
+10 # totò lemocò 2018-04-05 15:35
andate subito a casa, non ne possiamo più delle vostre scellerate MALAFATTE
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+8 # latri 2018-04-06 12:58
Intanto chi come me ha pagato, può dirsi truffato, grazie a quell'impostore del comandante ed alla compiacenza dello spaventapasseri!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+3 # MURTATELL 2018-04-08 22:08
CARO JONNY STECCHINO, CI HAI FREGATO CON LA MACCHINA E IL MEGAFONO A DIRE CHE IL CIELO E' SEMPRE PIU' BLU. HAI CHIAMATO A DIRIGERE I VIGILI UN SIGNORE CHE SI E' DIVERTITO A FARCI IMPAZZIRE CON LA SEGNALETICA STRADALE E CON LE MULTE SERIALI. SIETE DA MANICOMIO. VI ASPETTIAMO A VOI E A TUTTI QUEGLI IMBECILLI CHE CONTINUANO A SOSTENERVI.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

Altre Notizie

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk