Astensionismo tra i più alti di Puglia: le analisi di Valentino e Farina

Alle ultime elezioni politiche il 42% degli elettori di Cerignola ha preferito rimanere a casa e non esprimere alcuna preferenza per i candidati in campo. Il dato dell’astensionismo nella città che fu del costituzionalista Giuseppe Di Vittorio è tra i più preoccupanti della Puglia e della Capitanata e di certo il più preoccupante tra i grandi centri della provincia, visto che l’elettorato ‘tiene’ ancora nella Pentapoli.

 

Ai seggi si è recato appena il 58% dei cerignolani aventi diritto, circostanza che ha aperto una voragine sia confrontando i dati nazionali (affluenza al 73%), che raffrontando i dati provinciali (67%) su chi si è recato al voto. A tutto ciò, nei seggi ofantini vanno aggiunte le 651 schede non valide (di cui 192 bianche).

“Sicuramente è un dato profondamente negativo e deve far riflettere la nuova classe dirigente: il punto – dice Matteo Valentino, ex sindaco ed oggi impegnato in CittadinanzAttiva- è che non si dialoga più con l’elettore, non gli si spiega nemmeno come si vota, o cosa significhino le variazioni della TARI. Oggi vale solo Facebook o la tv. A Cerignola, poi, non avere candidati, o avere candidati altamente divisivi in lista, ha portato ad un peggioramento dell’astensionismo. Quando il candidato c’è ed è inclusivo il discorso cambia: se Fratelli d’Italia, che aveva Casarella nel proporzionale, è riuscita a prendere percentuali più alte rispetto alle altre città, è proprio perché ha schierato un candidato del territorio che ha mobilitato iscritti, amici, parenti, partiti che a loro volta hanno portato gente a votare”, analizza Valentino.

“La gente è veramente stanca e il dato dell’astensionismo lo dimostra. A Cerignola, a parte Elena Gentile che tra l’altro non ha raccolto granchè, non c’erano candidati locali all’uninominale e questo abbassa l’affluenza. Per di più – aggiunge l’ex assessore provinciale Mimmo Farina – c’è da considerare che l’elettore cerignolano è anche molto annoiato da quello che offre lo spettacolo della politica locale, che ormai è degradata”. Il raffronto diretto è con Manfredonia: “Nel centro sipontino c’erano due candidati di spicco all’uninominale, gente che ha voti, è conosciuta e stimata sul territorio, a prescindere da quello che è stato l’esito elettorale che ha premiato il Movimento 5 Stelle. A Cerignola cosa abbiamo espresso in termini di candidature? Poco, e tra l’altro tutti gli aspiranti parlamentari erano in posizione non eleggibile o in collegi impossibili”, rimarca Farina.

Legge elettorale, irrilevanza politica, classe dirigente disorientata sarebbero le cause che hanno fatto in modo che Cerignola diventasse maglia nera di partecipazione al voto. A Foggia-città l’affluenza è stata del 67%, a Vieste del 63%, a San Severo del 67%, a Lucera 66%, a Manfredonia e San Giovanni Rotondo del 69%. A livello nazionale si è recato alle urne il 73% degli aventi diritto, ben 15 punti in più rispetto a Cerignola.

Michele Cirulli

 

 


Commenti 

 
+8 # X Matteo e Mimmo 2018-03-09 15:27
Ma voi due avete votato?
Matteo davvero hai votato Elena?
Mimmo davvero hai votato Gianvito?
Io non ci credo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+4 # Sacc 2018-03-09 18:34
Gianvito? Difficile
Direi, se è coerente, la sinistra?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+5 # Interessante 2018-03-09 18:32
Un giudizio espresso da due dei più rappresentativi uomini politici di cerignola è sicuramente attendibile. Uno infatti è stato .......vabbe ora non mi viene mentre invece l'altro è stato .....Madonna c'è l'ho sulla punta della lingua...
Ma facitc u favorr
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+6 # Costante Baresi 2018-03-09 22:35
Ma la GENTILE,con il suo fido Tommasino, si presentano ancora? Certo con quella faccia tosta. Povero PD a trovarsi ancora con quei soggetti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+3 # Osservatore 2018-03-10 07:56
La gente di Cerignola ha avuto paura di sbagliare come nelle ultime amministrative, che ha visto popolare il paese da incompetenti e delinquenti e per questo è rimasta a casa. La sinistra si deve svegliare, contrastare "il personaggio" molto pericoloso e riconquistare l'elettorato.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+6 # Costanzo Leccesi 2018-03-10 11:31
La Gentile si è sacrificata,
per il bene delle sue tasche.
Lei e il marito Joseph, hanno
calcolato tutto dall'inizio.
Credete siano scemi quei due?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+5 # MURTATELL 2018-03-10 18:07
Citazione Costanzo Leccesi:
La Gentile si è sacrificata,
per il bene delle sue tasche.
Lei e il marito Joseph, hanno
calcolato tutto dall'inizio.
Credete siano scemi quei due?

SCEMI SONO QUELLI CHE ANCORA SE NE VANNO APPRESSO. LA PIU' FULGIDA ESPRESSIONE DEL DECADIMENTO CEREBRALE E MORALE.....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

Altre Notizie

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk