"Un amore esemplare" di Daniel Pennac in scena al Mercadante

Si abbassano le luci, la musica comincia a suonare e sul palco appare una donna che siede ad una scrivania, spalle al pubblico, ed inizia a disegnare. E’ Florence Cestac e i suoi acquerelli dipingono la casa di campagna dove Jean e Germaine vivono il loro “amore esemplare”.

 

Si è concluso ieri, a Martina Franca, dopo le tappe di Foggia, Bari, Manfredonia, Brindisi e Cerignola, il tour pugliese dello spettacolo teatrale Un Amore esemplare, gioco teatrale fra racconto e fumetto, con la regia di Clara Bauer e tratto dal fumetto Un Amour Exemplaire di Daniel Pennac e Florence Cestac, edito da Dargaud.

Le parole di Pennac e i disegni di Cestac adattano al palcoscenico, dopo averlo fatto con la carta, le vite di Jean e Germaine, protagonisti di una storia d’amore straordinaria, esemplare, della quale fu testimone lo stesso Pennac, bambino in vacanza negli anni Cinquanta in un paesino dell’entroterra della Provenza, La Colle sur Loup.  Jean è il primogenito del marchese di Bozignac, ricchissimo produttore di vino, e Germaine è la figlia dello straccivendolo Loignon.

Diseredato dal padre per aver sposato Germaine, Jean e sua moglie vivranno del loro amore e dell’amore per i libri. Così, Jean e Germaine “non avevano una buona reputazione” perché “erano una coppia improduttiva”.

Spiega Pennac, “nella buona società, per essere frequentabili, bisogna avere un mestiere, dei bambini, una seconda casa, bisogna uscire, ricevere, produrre conversazioni, citazioni, referenze, ricette, indirizzi, barzellette, racconti di vacanza, bisogna avere delle opinioni, delle convinzioni, una religione, un circolo sportivo, un ente di beneficenza…” e invece i due non hanno nulla di tutto questo ma solo l’amore per l’altro: “Jean aveva Germaine e Germaine aveva Jean e del loro amore non parlavano mai”.

L’incapacità, o forse il disinteresse, dei due all’omologazione sociale li rende esemplari per lo scrittore che sempre sognerà un amore come questo. E l’amore quasi utopico eppure reale della coppia, raccontato dalla penna dello scrittore francese, sorvola con leggerezza non soltanto le barriere sociali, issate da chi li vuole relegati alla lontananza delle rispettive classi di nascita, ma scavalca con agilità anche le barriere linguistiche, in uno spettacolo che passa con scioltezza dalla lingua francese a quella italiana, e quelle create dagli orrori della seconda guerra mondiale; Pennac riesce, così, a toccare anche temi storicamente profondi come l’Olocausto. In scena, con le musiche di Alice Pennacchioni, al fianco di Pennac e Cestac, tocca poi a Ludovica Tinghi, Massimiliano Barbini e Pako Loffredo animare brillantemente il racconto.

Lucia Pepe

 

 


 

 

 


Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

La Cattiveria

Tutti assunti | Fa tenerezza notare come per le critiche rivolte a consiglieri, assessori, giunta da parte di giornali o cittadini si scateni la macchina della “famiglia”. Non del fango, anche se in molti casi “famiglia” e “fango” sono sinonimi. Quindi per la critica ad X, vengono fuori in maniera sgraziata papà, fratelli, mamme, fidanzatine, novelle mogliettine, cugini, zii, mariti inconsapevoli, pronipoti e avi dall’oltretomba. Risultato? Rendono ancora più ridicoli gli oggetti delle critiche. Quindi, ci sentiamo di assumere a Marchiodoc.it tutti quei parenti dei personaggi pubblici, perché sono loro – più di noi o di chiunque – a dare la misura della pochezza della classe politica locale.
marchiodoc.it


Altre Notizie

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk