Giannatempo: "Dopo tutti gli errori, si regala la SIA a Bari"

“Con l’ordinanza sottoscritta, il presidente Michele Emiliano ha fatto un atto grave aggirando le norme ed evitando una gara che permettesse ad Aseco di gestire l’impiantistica. Con questa manovra la nostra società SIA non è stata svenduta, ma regalata a Bari”.

 

Così l’ex sindaco di Cerignola, Antonio Giannatempo, tra i fondatori della società dei rifiuti che per gestisce la raccolta o lo smaltimento dei rifiuti per i comuni del consorzio Fg4, commenta il delicato momento della Sia.

“Non mi spiego infatti in che termini Aseco dovrebbe immettere liquidità ed investire se poi tra sei mesi deve tornare a casa. Mi sembra impossibile: perché Acquedotto Pugliese dovrebbe regalarci un cofinaniziamento?”, chiede il ginecologo, che addebita all’attuale gestione il tracollo della società, i cui sintomi erano già evidenti prima del 2015.

“Siamo stati noi, insieme all’ex amministratore Francesco Vasciaveo, persona stimabile, leale e ingiustamente attaccata da questa amministrazione-  a richiedere una relazione alla KPMG che evidenziasse i limiti della SIA ma che al contempo servisse per studiare i punti di ripartenza. Dopo l’elencazione dei punti di debolezza sarebbe servito un piano industriale e una programmazione che esaltasse i punti di forza, ma non c’è stato. Anzi, con questo Consiglio di amministrazione non si sono nemmeno fatte le gare per il gasolio”, osserva Giannatempo.

Sullo sfondo c’è sempre il ritardo con cui Metta ha iniziato le procedure per l’ampliamento della discarica e per il potenziamento delle strutture: dal 2015 il sindaco cicognino ha imposto la linea del rifiuto a dare seguito all’AIA 2014 che imponeva l’apertura dei cantieri  a Forcone Cafiero: così, nei tre anni di lassismo, i costi per lo smaltimento sono triplicati e Sia ha finito anche i soldi che provenivano dai comuni che sversavano in discarica.

“Sono profondamento deluso dall’atteggiamento dell’attuale sindaco ed anche dei colleghi sindaci degli altri comuni, ma anche dei dirigenti che io in prima persona ho voluto per dare vita alla SIA srl e al Consorzio. È stato un errore opporsi al VI lotto, quando il VI lotto tra l’altro era già autorizzato”, prosegue l’ex primo cittadino, che affonda: “Abbiamo fatto in modo che la SIA restasse pubblica, mentre col management successivo si è corso il rischio della privatizzazione e ci sono atti e documenti che lo certificano chiaramente. Quel tentativo di darla ai privati non è andato in porto, e oggi non resta che regalare la SIA srl alla Regione”, conclude Giannatempo.

Michele Cirulli

 

 

 


 

 


Commenti 

 
+5 # recchi d gomm 2018-02-23 14:36
Quando la cosa pubblica, viene gestita da delinquenti in cravatta. Questo sINDAGO è il peggiore della storia di Cerignola. Un magnaccio bullo,personaggio falso,con un curriculum di tutto rispetto, che non fa invidia a un delinquente abituale. Alla sua fine CERIGNOLA,sarà affossata completamente...è tutto a costo zero. So fe' ho fatt i caxx suu, cume tutt u rest ca ton a torn ha ghedd. Congratulazioni, meghij non putiv fe'.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-3 # Sein Sein 2018-02-23 16:03
Hai pure la faccia tosta di criticare e dire la tua? Avevi ridotto Cerignola allo sfascio con la tua amministrazione, dove nessuno si era accorto del maxi buco della GEMA. Che s'pass!!
Dovresti solo ringraziare Metta per aver salvato la SIA. che tu e Vasciaveo avevate portato sull'orlo del fallimento!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+3 # recchi d gomm 2018-02-23 17:00
Citazione Sein Sein:
Hai pure la faccia tosta di criticare e dire la tua? Avevi ridotto Cerignola allo sfascio con la tua amministrazione, dove nessuno si era accorto del maxi buco della GEMA. Che s'pass!!
Dovresti solo ringraziare Metta per aver salvato la SIA. che tu e Vasciaveo avevate portato sull'orlo del fallimento!

Dal tuo parlare...si riconosce che sei un servo sciocco del "potere". Il tuo padrone è alla fine... come anche voi siete già finiti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # MURTATELL 2018-02-23 23:20
Citazione recchi d gomm:
Citazione Sein Sein:
Hai pure la faccia tosta di criticare e dire la tua? Avevi ridotto Cerignola allo sfascio con la tua amministrazione, dove nessuno si era accorto del maxi buco della GEMA. Che s'pass!!
Dovresti solo ringraziare Metta per aver salvato la SIA. che tu e Vasciaveo avevate portato sull'orlo del fallimento!

Dal tuo parlare...si riconosce che sei un servo sciocco del "potere". Il tuo padrone è alla fine... come anche voi siete già finiti.

FACC D GOMM
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+4 # Ospite 2018-02-23 17:50
Certo che le critiche mosse da Giannatempo non si possono leggere: la relazione della KPMG certificava una gestione fallimentare a presidenza Giannatempo. Strano che adesso la porti ad esempio da cui ripartire quando lui stesso la osteggiava proprio in un articolo su questo blog dal titolo: "Vi spiego perché la relazione KPMG fa acqua da tutte le parti".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Ospite 2018-02-23 17:55
"...quando il VI lotto tra l’altro era già autorizzato" se non sbaglio lo era già dal 2014 perciò perché non si è agito prima? Perché non c'erano soldi,lo dice chiaro chiaro Vasciaveo nella Delibera di Assemblea del 19 Marzo 2015. E che soluzione propose durante la stessa Assemblea chi oggi afferma che "Abbiamo fatto in modo che la SIA restasse pubblica"?...l'affidamento ai privati mediante project financing (Delibera n. 9 del 19/03/2015). Tant'è che il Sindaco di San Ferdinando si sente in obbligo di intervenire sottolineando che il Consorzio debba mantenere natura pubblica. Allora non lo avvertiva il "rischio della privatizzazione"?
Insomma c'aveva provato prima di chi, poi, lo ha sostituito.
Quanto alla critica ad Emiliano che avrebbe evitato una gara...per favore...si rilegga la relazione della KPMG a proposito di gare, poi ritorni e ci faccia sapere.
Per inciso: il furbacchione di Metta non mi piace particolarmente ma ancora meno apprezzo la disonestà intellettuale
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # Sacc 2018-02-24 14:28
Ecco la politica pura. Un sindaco che x 5 anni non ha tracciato una linea politica ed ha chiuso nel peggiore dei modi oggi da pure consigli.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

Altre Notizie

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk