A 7 anni dalla scomparsa di Alessia e Livia è ancora mistero

"Le ho uccise". E ancora: "Le bambine riposano in pace, non hanno sofferto. Non le rivedrai più". Sono questi gli ultimi messaggi, scritti in una lettera, che Matthias Schepp inviò a sua moglie, Irina Lucidi, per spiegarle quale fine avessero fatto le gemelline Alessia e Livia. Che le bimbe siano effettivamente morte non c’è ancora alcun riscontro oggettivo, ma a sette anni dalla scomparsa di Alessia e Livia quella dell’uccisione rimane la tesi più accreditata.

 

A fine gennaio 2011 Matthias Schepp, ingegnere presso la Philip Morris, proprio come sua moglie che nella medesima azienda lavorava nell’ufficio legale, prelevò le sue figlie per poi iniziare un folle viaggio che toccò tre nazioni. La storia di Irina e Matthias andava verso il capolinea ed erano in procinto di divorziare: la donna aveva già intrapreso il percorso burocratico per interrompere il matrimonio. Circostanza, quest’ultima, che Matthias non aveva mai accolto di buon grado.

Il 29 gennaio Matthias esce di casa con le bambine. Da quel momento in poi non si saprà più niente delle gemelline e le uniche immagini – ad esempio Marsiglia o in autostrada- riprendono soltanto l’ingegnere, da solo. Il 3 febbraio, alle ore 22.50, un treno a 140km / h travolge Schepp che volontariamente – dopo aver vagato per le campagne adiacenti alla stazione di Cerignola Campagna – si mette sui binari, di spalle, e si lascia uccidere dall’Eurostar in transito. Sul perchè abbia scelto proprio la città ofantina c'è mistero. Ed è solo uno dei tanti.

Giorni di ricerche, cani molecolari, tv internazionali e varie ipotesi. Come quella del sequestro, secondo cui Schepp avrebbe affidato a qualcuno le due gemelline. Varie ricerche in questo senso, l’ultima in Sardegna, in un campo rom, ma risultata vana.

Dopo 7 anni su Alessia e Livia è ancora mistero.

> I sub nel pozzo per trovare le gemelline

> Labrador alla ricerca delle gemelline

> Per i cani molecolari Alessia e Livia non sono state in stazione

 

 

 

 

 

 

 

 


Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

Altre Notizie

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk