Furto in un’abitazione e resistenza a pubblico ufficiale: 2 arresti

Sono quattro gli arresti operati dai Carabinieri della Compagnia di Cerignola durante lo scorso week-end, che, con l'impiego complessivo di oltre 50 militari, hanno costantemente pattugliato il territorio di competenza, identificando circa 200 persone e controllando oltre 100 autoveicoli.

 

Il primo a finire in manette, a San Ferdinando di Puglia, è stato DJORDJEVIC DEJAN, cl. '80, pregiudicato di nazionalità serba, residente a Napoli presso il campo rom di Scampia. L’uomo, in compagnia di due complici, che sono però riusciti a dileguarsi, nella notte tra sabato e domenica era entrato in un appartamento del centro cittadino dove aveva sradicato dal muro una cassaforte. Il proprietario di casa, nel rientrare, aveva sorpreso i ladri e allertato subito il 112.

Una pattuglia della locale Stazione, già nelle immediate vicinanze, è quindi intervenuta nel giro di pochi minuti, quando il malcapitato era ancora avvinghiato in una colluttazione con il delinquente, il quale cercava addirittura di colpirlo con un cacciavite. Djordjevic, bloccato ed ammanettato, è stato tratto in arresto e, su disposizione del P.M. di turno, rinchiuso nel carcere di Foggia. La cassaforte è stata recuperata e riaffidata al proprietario.

L'arrestato risponderà dei reati di rapina impropria e lesioni personali. La vittima, infatti, è rimasta ferita, seppur lievemente, dalla furia del ladro, riportando una prognosi di 5 giorni per contusioni varie.

A Cerignola, invece, i militari dell’Aliquota Radiomobile del NORM hanno arrestato SCARANO Matteo, cl. '96, incensurato cerignolano. Il ragazzo, nottetempo, non aveva osservato all’alt intimatogli, dandosi a precipitosa fuga. Inseguito per le vie del centro cittadino, è stato raggiunto, bloccato, e dichiarato in arresto per resistenza a pubblico ufficiale. Su disposizione del P.M. di turno, in attesa dell’udienza di convalida, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Eseguiti poi, tra Cerignola e Trinitapoli, due ordini di carcerazione nei confronti di SCARPETTA DOMENICO, cl. '73, cerignolano, e SOMMA ANTONIO, cl. '87, trinitapolese, entrambi pregiudicati. I due, rintracciati dai militari delle locale Stazioni, sono stati rinchiusi nel carcere di Foggia dove sconteranno, rispettivamente, la pena residua di 1 anno e 5 mesi per furto e rapina, e 1 anno e 8 mesi per furto in abitazione e ricettazione.

 

 

 

 


Commenti 

 
0 # Osservatore 2017-12-05 15:43
Il primo a finire in manette, a San Ferdinando di Puglia, è stato DJORDJEVIC DEJAN, cl. '80, pregiudicato di nazionalità serba, residente a Napoli presso il campo rom di Scampia.

Dategli fuoco a sta feccia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Duce 2017-12-05 16:03
Citazione Osservatore:
Il primo a finire in manette, a San Ferdinando di Puglia, è stato DJORDJEVIC DEJAN, cl. '80, pregiudicato di nazionalità serba, residente a Napoli presso il campo rom di Scampia.

Dategli fuoco a sta feccia.

Invece agli altri italiani in manette diciamo peccato ?
Ma che pccot
È tutta feccia bello
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

Altre Notizie