Bentornato a casa, Peppino!

Dagli scantinati comunali, ridotto in 272 frammenti, alla maestosa ubicazione in Piazza della Libertà: ieri pomeriggio Cerignola ha accolto il murale “Di Vittorio e la condizione del Mezzogiorno”, dedicato allo storico sindacalista ofantino e realizzato nel 1974 dagli artisti Rocco Falciano ed Ettore De Conciliis.

 

Ad omaggiare Di Vittorio, a sessant’anni dalla sua morte, il segretario generale della CGIL Susanna Camusso, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il presidente della Provincia di Foggia Francesco Miglio, il sindaco di Cerignola Franco Metta ed il vescovo della diocesi Cerignola-Ascoli Satriano mons. Luigi Renna, oltre ai consiglieri regionali Raffaele Piemontese, Giandiego Gatta e la deputata Colomba Mongiello.

La giornata di presentazione è iniziata nella sala consiliare del Municipio di Cerignola con il confronto tra studenti e insegnanti sulle attività svolte e su quelle da svolgere per proseguire il lavoro sui temi del lavoro e della libertà, un progetto che terminerà il 1° maggio prossimo con il supporto dell'Istituto Pugliese per la Storia dell'Anifascismo e dell'Italia Contemporanea. Nel pomeriggio, a partire dalle ore 17:00, i tre pannelli del murale sono stati presentati alla città.

Ad intraprendere una vera e propria battaglia, nel 2008, formando un movimento di opinione che dal virtuale dei social ha avuto la capacità di attivare l’iter istituzionale successivo, è stato lo storico Giovanni Rinaldi: “A differenza di quanti rappresentano ufficialmente istituzioni, partiti, sindacati, associazioni, io rimango, felice di esserlo, un semplice cittadino che ritiene di aver fatto quello che è compito dei cittadini che ambiscono a vivere in una comunità civile: impegnarsi, individualmente, in gruppo, con chiunque altro, senza barriere di sorta, se si è consapevoli di avere come obiettivo un bene comune”. Esprime soddisfazione il sindaco Franco Metta, che con l’inaugurazione del Murale individua l’anno zero della vita politica locale: “Superiamo l’ottocentesca logica in base alla quale per ogni evento debba esserci un pubblico riconoscimento a chissà quale feudatario o signorotto. Questa opera d’arte appartiene al sacrificio della comunità e del popolo di Cerignola. Chiudiamo la pagina della Cerignola che distrugge, che divide e che resta immobile. Da oggi tollereremo solo un tipo di competizione, quella del fare”.

Tra i ringraziamenti, quello a Tommaso Barbieri, “un operaio che notte e giorno si è prodigato nella realizzazione dell’opera”. Di Vittorio come “santo laico”, secondo il vescovo Luigi Renna, “perché nonostante la sua formazione valdese e le sue divergenze con la chiesa, è stato uomo del popolo e rappresentante di un comunismo intriso di ideali e umanità, garantendo diritti a chi diritti non ne aveva”. “Di Vittorio è carne della nostra carne, è un pezzo meraviglioso del nostro paese. Questo è un murale che rappresenta un’opera di comunità e non una ridicola esibizione autoreferenziale”, ha detto il presidente Michele Emiliano che ha esaltato l’intervento del vescovo Renna “che ha riabbracciato un’intera tradizione politica”. Un passaggio, poi, sull’Ilva di Taranto e un appello alla classe politica “abbandonare le inutili contrapposizioni”. Il murale Di Vittorio, restaurato da Francesco Daddario e Paolo Gallo, giganteggia proprio a pochi metri da un’altra rara testimonianza storica della tradizione bracciantile cerignolana: il Piano delle Fosse, dove ancora oggi viene conservato il grano.

“Quella di Di Vittorio è la storia di chi ha scoperto di poter pronunciare parole come diritto alla cultura: è stato un uomo con un profondo senso della libertà. Il suo messaggio è stato quello di restare uniti, perché è nel momento in cui i lavoratori si contrappongono – ha detto il segretario generale CGIL Susanna Camusso- che viene a mancare la visione del futuro. Questo è un messaggio attuale, soprattutto in questi tempi in cui si contrappongono padri contro figli, italiani contro migranti. Non esiste un futuro se i giovani non trovano lavoro e non hanno speranza”.

Michele Cirulli

 

 

 

 

 


Commenti 

 
+11 # fai prima a ripartire, Peppino 2017-11-04 14:26
caro Peppino, il tuo ritorno ci è piaciuto tanto. Ti abbiamo accolto - ieri - facendoti capire che Cerignola è cambiata. Assai. Stanotte alle 2, però, mentre la città dormiva, in attesa della giornata di oggi, a far memoria del sacrificio dei caduti della Prima Guerra mondiale più che a far celebrazioni di vittorie, stanotte esplodeva nella villa una bomba che sfregiava fisicamente e moralmente quella stessa città che ieri ti applaudiva. Caro Peppino, i cafoni, quelli per i quali ti sei battuto per affrancarli, sappi che sono rimasti cafoni, molti anche delinquenti. Sì, a Cerignola ci sono molti delinquenti, non si direbbe, ma ci sono, e si prolificano. Perché non abbiamo buoni esempi, la classe dirigente in genere è corrotta, è violenta, insulta, ruba, regala biscotti a forma di bigliettoni di euro, insomma, la tua Cerignola è diventata un inferno. Sappiamo che a te l'inferno non piace. Senti a me, cambia strada. Qui siamo tutti destinati a un tristissimo futuro. E tu non lo meriti!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-4 # gino 2017-11-04 18:37
Riconsegnato grazie all'amministrazione di Franco Metta.
I partiti dell'attuale sinistra che hanno approvato leggi indegne come il jobs act non hanno nulla da spartire con Divittorio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+7 # Il giustiziere . 2017-11-05 10:23
povero Peppino. Anche il murale è diventato oggetto di appalti illeciti. A proposito quanto avete speso?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # MURTATELL 2017-11-05 22:08
COME MAI NON C'ERA CHI SI E' LAVATA LA BOCCA PER TRENTA ANNI ED HA COSTRUITO LA PROPRIA CARRIERA POLITICA SU PEPPINO ? NON E' CHE PEPPINO AVREBBE SORRISO A VEDERE LA PRIMA FILA DELLA MANIFESTAZIONE....ANZI AVREBBE CHIESTO "CHI SONO QUESTI ?" . FORSE NELLA FOLLA C'ERA QUALCHE CAFONE CON I CALLI ALLE MANI . A LUI PEPPINO HA SORRISO !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
-9 # Cicognino 2017-11-06 07:38
La manifestazione di venerdì sarà ricordata, nella Storia di Cerignola, come il momento dell'ideale passaggio di consegne tra Peppino Di Vittorio e Franco Metta.
Peppino e' stato amato tanto dalla sua gente, proprio come oggi lo è il nostro Sindaco.
Peppino ha sacrificato la sua vita per il bene del popolo, proprio come oggi sta facendo il nostro Sindaco.
Peppino, per la sua onestà, e' stato rispettato da tutti i suoi avversari politici, proprio come sta avvenendo al nostro Sindaco.
Peppino, CON LA SUA OPERA, ha scolpito il suo nome nella Storia, proprio come sta facendo, CON I FATTI, il nostro Sindaco.
Viva Peppino , viva Franco!!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # MURTATELL 2017-11-07 20:03
Citazione Cicognino:
La manifestazione di venerdì sarà ricordata, nella Storia di Cerignola, come il momento dell'ideale passaggio di consegne tra Peppino Di Vittorio e Franco Metta.
Peppino e' stato amato tanto dalla sua gente, proprio come oggi lo è il nostro Sindaco.
Peppino ha sacrificato la sua vita per il bene del popolo, proprio come oggi sta facendo il nostro Sindaco.
Peppino, per la sua onestà, e' stato rispettato da tutti i suoi avversari politici, proprio come sta avvenendo al nostro Sindaco.
Peppino, CON LA SUA OPERA, ha scolpito il suo nome nella Storia, proprio come sta facendo, CON I FATTI, il nostro Sindaco.
Viva Peppino , viva Franco!!!!

SEMBRI FRANCUCCIO DEI GABINETTI CON LA BANDIERA DELLA CICOGNA....!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

Altre Notizie