VIDEO | Botte sugli spalti: sospesa Real Siti - Vigor Moles. Veleni post partita

Botte sugli spalti, a Candela, durante la partita tra Vigor Moles e Real Siti valida per il campionato di Promozione. La gara è stata sospesa dopo che alcuni tifosi baresi, dopo un alterco con la dirigenza dell’AC Real Siti, hanno inteso fronteggiarli fisicamente tra pugni e strattoni. Le immagini di “Foggicittàaperta” mostrano i momenti concitati di domenica.

 

Ma il dopo partita è ancora più incandescente sui social, dove le società, da parte loro, provano a dare una spiegazione alla insana giornata di violenza. Si legge sul profilo del Real Siti: “Veramente una brutta pagina per il calcio dilettantistico pugliese purtroppo a causa di intemperanze della tifoseria ospite della Vigor Moles sugli spalti a Candela durante il Match. L'arbitro, il sig. Gianluigi Novielli della sezione di Bari, ha dovuto sospendere la partita intorno al 55' sul punteggio di 0-1. Speriamo vivamente che non accadano più episodi del genere perchè abbiamo assistito a veri e propri momenti di panico sugli spalti con la presenza di molte donne e bambini che sono rimasti scioccati. Ci auguriamo che chi di dovere prenda i dovuti provvedimenti. Il calcio non è questo”. La Vigor Moles contesta integralmente la versione riportata a fine gara e ad intervenire è il presidente bianco azzurro Marino Liuzzi: “Orbene, guardando e riguardando tale video, non è dato evincere quale sia il momento della "brutale aggressione".  D'altra parte, invece, quello che emerge in maniera pacifica è certamente un acceso confronto verbale e qualche spinta tra la tifoseria ospite e sostenitori e dirigenti della squadra locale. Tutto ciò, in ogni caso, non vale a giustificare l'atteggiamento deplorevole posto in essere da entrambe le parti. Per mero scrupolo – prosegue Liuzzi- , corre l'obbligo di precisare, che lo spiacevole episodio si sarebbe potuto evitare se l'AC Real Siti avesse ottemperato alle prescrizioni imposte dalla Federazione per lo svolgimento di ogni gara casalinga come, nello specifico, il deposito presso la locale Tenenza dei Carabinieri della richiesta di forza pubblica, la sistemazione della tifoseria ospite nell'adeguato settore, oltre a dotare l'impianto sportivo di idoneo personale sanitario con relative attrezzature obbligatorie per legge”.


A prendere le parti della tifoseria e della squadra Real Siti è anche il sindaco di Stornara Rocco Calamita: “Sono episodi lontani dal nostro modo di intendere il calcio. Siamo molto dispiaciuti di ciò che è accaduto durante la partita tra il Real Siti e il Mola. Sappiamo che la nostra società (A.C. Real Siti), in tutto questo non c’entra nulla, ma si è trattato di scaramucce interne alle tifoserie per ragioni che non ci sono note e nelle quali non vogliamo entrare in merito. Ieri sul campo di Candela, dove si è disputata la partita, c’erano anche mamme e bambini che hanno assistito ad un pessimo spettacolo sugli spalti con anche scontri fisici che non fanno bene allo sport. Di tutto questo siamo molto amareggiati e denunceremo agli organi della FIGC quanto è accaduto sugli spalti per colpe ascrivibili ai tifosi del Mola e inoltre chiederemo precauzionalmente che la partita di ritorno si giochi a porte chiuse”.

 

 

 

 

 

 

 


Commenti 

 
-6 # Cicognino 2017-09-19 06:51
Fortunatamente a Cerignola non potranno più succedere episodi del genere. Il Monterisi e' stato messo a nuovo, i tifosi ospiti hanno il loro settore e non possono venire a contatto con i nostri.
L'impiantistica sportiva e' uno dei punti fondamentali del programma amministrativo del Sindaco Metta e, con la prossima costruzione del Palazzetto dello Sport, la nostra città sarà pronta ad accogliere eventi sportivi di serie A non solo nel calcio, ma anche nel basket e nel volley.
Quando la cittadinanza vota con criterio, senza svendere il voto ai potenti, i risultati sono ben visibili a tutti e Cerignola ne è il più fulgido esempio.
Forza Audace!!!
Forza Udas!!!
Forza Cerignola!!!
Grazie Sindaco Metta!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # gio 2017-09-20 09:53
...scaramucce? Io ho visto che sono volati pugni, le forze dell'ordine assenti, una vergogna. Spero che i responsabili siano individuati ed arrestati!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

Altre Notizie