Giannatempo: "Primarie per il centrodestra, via i personalismi"

Primarie per il centrodestra, unità di intenti e nessuna prima donna: la ricetta per riabilitare il centrodestra, per l’ex sindaco Antonio Giannatempo, passa attraverso tre passaggi. Il ginecologo, che ha aderito a Direzione Italia di Raffaele Fitto (“Non passerò mai in Forza Italia”), però, dice di non voler essere della partita: “Dobbiamo consultare la base, parlare con la gente e metterla al centro delle decisioni. Io non parteciperò alle primarie, e men che meno alle amministrative”.

 

Dopo il via al rinnovamento inaugurato da Fratelli di Italia con il nuovo coordinatore cittadino Gianvito Casarella, anche le altre anime del centrodestra provano a darsi una struttura ripartendo dal magro bottino delle ultime amministrative del 2015. “L’aperitivo del centrodestra organizzato un mese fa è stato un toccasana perché ci ha permesso di smuovere le cose. Inoltre i dati nazionali hanno dato un’accelerata ai progetti di riunificazione”. A frenare le ambizioni di ricostruzione, però, ci sarebbe il gruppo consiliare di Forza Italia, ritenuto da più parti stampella dell’amministrazione Metta contro la volontà della “base”, e che oggi può contare sul supporto dei cicognini transfughi.

“Forza Italia non sta facendo opposizione. Mi preoccupano i nuovi ingressi, tra l’altro, perché snatureranno ancora di più il partito a livello locale. Alcuni consiglieri di maggioranza sentono il respiro pesante ed agonizzante di questa amministrazione e quindi cercano una postazione per una eventuale rielezione. Forza Italia sulla carta è opposizione, nei fatti no. Ma non reputo che la manovra di aprire ai cicognini possa essere un modo di stare in maggioranza, non li ritengo capaci di tanta lungimiranza, né credo che dietro questi spostamenti ci sia un grande vecchio ad architettare tutto”, commenta Giannatempo.

Dunque, nessun personalismo, ma nemmeno riciclo indiscriminato. Il centrodestra, secondo l’ex sindaco, deve ripartire dalle associazioni, da Fratelli di Italia, Direzione Italia, “da fette di Forza Italia”. Nessun accenno, invece, ai consiglieri comunali Paolo Vitullo e Natale Curiello. “Bisogna puntare alle primarie, a tutti i livelli, perché la scelta del sindaco non può che essere collegiale. Non si può dire Giannatempo, Farina o Casarella sindaco, ma servono delle primarie serie. Sentiamo la base dei nostri elettori: da parte mia escludo di potermi candidare”, prosegue l’ex sindaco di Cerignola.

“Il vento sta cambiando – conclude- e l’amministrazione non sta operando bene. Nella mia esperienza amministrativa mi si può contestare tutto, meno che non abbia mai trattato i cittadini con rispetto o che non li abbia ascoltati. Il percorso del centrodestra deve ripartire dal contatto con la gente, visto che questa amministrazione si è alienata totalmente dai problemi della città”. Nel mezzo il dibattito sul centrodestra è vivo  e sembra essere un contenitore da riempire in vista dell’appuntamento elettorale del 2020.

Michele Cirulli

 

 


Commenti 

 
+6 # Amo il prossimo 2017-07-25 15:17
Questa amministrazione è pessima ma la vecchia non è esente da colpe. Se avesse messo in campo quello che ha regalato a questi sprovveduti, (tutti i tagli di nastro), forse il risultato sarebbe stato diverso. Forza Italia, ormai è morta, non ha più nessuna credibilità. Che opposizione ha fatto? Deve tacere per fare i propri interessi personali. Se ne frega della città. Torneranno quando vorranno essere rivoltato. Possono solo sognare;complici di questo scempio. Contribuiscano a mettere la parola FINE e forse, dico forse, qualcuno an ora gli darà credito. Una porcheria totale.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # MISTER PUZZA 2017-07-28 20:38
ASPIRA NIENTEMENO CHE AL PARLAMENTO. MA SIETE MESSI COSI' MALE NEL CENTRO DESTRA DA DOVER SPENDERE MONETE FUORI CORSO ? POVERA CERIGNOLA!!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+3 # GIRO GIRO TONDO... 2017-07-28 20:58
CERIGNOLA HA SEMPRE SVOLTO UN RUOLO DI RILIEVO PER IL CENTRO DESTRA : LA PATRIA DEI TATARELLA E DI DI VITTORIO HA DA SEMPRE COSTITUITO UN GRIMALDELLO NELLA POLITICA FOGGIANA E REGIONALE. MA NESSUNO DEI DUE SCHIERAMENTI HA PRODOTTO UN VERO TRAMPOLINO PER QUESTA CITTA'. HA PRODOTTO FIGURE POLITICHE SCIALBE, CHE HANNO SOLO PORTATO A CASA VITALIZI E LIQUIDAZIONI DA CAPOGIRO. LO STESSO OSPEDALE FU MESSO IN CANTIERE DALLA DC+PC E LA DESTRA SI MISE LA PATACCA AL PETTO CON LA CONTROVERSA INTITOLAZIONE AI TATARELLA. MA ANCHE L'OSPEDALE E' DIVENTATO UNA CATTEDRALE NEL DESERTO, NONOSTANTE LA SINISTRA LO ABBIA GESTITO IN PRIMA PERSONA PER PIU' DI UN DECENNIO. FALLIMENTO COME L'INTERPORTO, COSTATO ALLE NOSTRE TASCHE FIOR DI QUATTRINI. E LA GEMA ? E I GRATTINI ? CERIGNOLA NON DIMENTICA, CARO GIANNATEMPO.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Giorgio 2017-08-01 11:49
La sinistra ha fallito e ha deluso tutti a livello proprio di panorama nazionale.
Dato di fatto.
Detto questa rimane da fare una cosa, mantenere a distanza gli opportunisti di destra e creare una destra forte,solida e CREDIBILE.
Con delle primarie naturalmente.
Guai ad accogliere anche mele marce pur di raccattare voti, staremmo punto e a capo.
Aspettando il 2020 ........
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

Altre Notizie