Bufano (Cicogna): "Sì ai lavori al Duomo, ma serviva più coinvolgimento"

L'architetto Tommaso Bufano del Mp La Cicogna, e già indicato come assessore dell’ipotetica giunta Metta, esprime la posizione ufficiale del movimento sulla questione “Cripta al Duomo”.

Manca, ancora oggi, il parere dell' ArCe, l'associazione degli architetti locali, che avevano promesso di esprimersi sul tema.

 

Il Duomo Tonti ha avuto una realizzazione alquanto travagliata sin dalla sua progettazione; esso ha avuto una lunga gestazione e dal primo incarico all'arch. Saponieri nel 1819, all'ultimo incarico all'arch. Cappa nel 1920, si sono avvicendati l'arch. Alvino nel 1861, il suo allievo Pisanti nel 1876, sino all'arch. Castrucci dal 1912. Oggi il Duomo a cui tutti siamo legati - più per ragioni affettive che stilistiche o artistiche - ci appare in tutta la sua maestosità ed imponenza, con un volume esterno connotato da un rapporto di pieni e vuoti che lo rendono un esempio di eclettismo ottocentesco quasi unico nel suo genere. L'interno, purtroppo, così come molti edifici coevi, non mantiene la stessa bellezza, quasi promessa, dalle forme esterne. E' spoglio, buio e privo , quasi, di qualsiasi ornamento.

LE RAGIONI DELL’INTERVENTO.

Sono due:

1)    l’adeguamento degli spazi celebrativi alle norme liturgiche;

2)    la realizzazione di un conditorio nella parte absidale, per l’ultima dimora dei Vescovi.

Sulla effettiva necessità dell’adeguamento per ragioni liturgiche, nessuno è autorizzato a dubitare; si è detto che non vi sono regole scritte dalla CEI in merito a ciò e che non vi è la reale necessità di adeguare gli spazi, ma si può anche dire: perché no? Perché non si possono adeguare gli spazi celebrativi con strutture rimuovibili quali sono quelle in progetto?

Ricordiamoci che lo chiede Sua Eccellenza Monsignor Vescovo, non solo;

all’interno della Conferenza Episcopale Italiana Mons. Di Molfetta, per lunghissimo tempo e fino a qualche mese or sono, ha ricoperto uno specifico ruolo, proprio in considerazione della Sua profonda preparazione in questioni liturgiche.

Quanto al Conditorio, la Curia, proponente i lavori, considera la realizzazione di questa opera un completamento della Cattedrale, o comunque un ulteriore episodio di arricchimento degli spazi interni. E' probabile che in futuro ce ne saranno altri, più o meno auspicabili e più o meno invasivi; nessuno può dirlo, la storia dell'architettura sacra è costellata di esempi di lavori durati anche 400-500 anni.

Costi degli interventi a totale carico della Curia. Noi oseremmo precisare, anche eventuali lavori che dovessero essere necessari a causa di questi ultimi (cosiddetti, paventati, lavori di consolidamento della Cupola).

 

LE FASI DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO.

12 marzo 2009: primo invio atti progettuali;

27 novembre 2009: conferenza di servizi con Dirigenza Comunale, Soprintendenza ai Beni Architettonici, progettisti.

22 febbraio 2013: La Direzione Regionale per i Beni Culturali esprime parere favorevole.

8 marzo 2013 la Curia chiede l’autorizzazione del Comune, proprietario del bene, alla presentazione al competente ufficio del Genio Civile del progetto per la verifica sismica ed il calcolo strutturale in cemento armato.

La Giunta Comunale ha dato questa autorizzazione.

Non esistevano ragioni perché questa autorizzazione dovesse essere negata.

La parola passa ora all’Ufficio del Genio Civile.

La procedura tecnico amministrativa risulta perfettamente corretta.

IL PROGETTO ARCHITETTONICO.

Ovviamente esposto al soggettivo gradimento di ciascuno.

Va detto che il progetto è di un professionista noto, stimato e da sempre impegnato in opere di questo tipo, anche in importanti Basiliche.

Il progetto è accuratamente descritto in una ampia ed esaustiva relazione accompagnatoria, che spiega non solamente la natura dei lavori, ma anche, nel dettaglio, come gli stessi saranno eseguiti, con quali materiali e perché, con quali sistemi di messa in opera. E' molto probabile che ciò rappresenti la sintesi di numerosi compromessi dettati dalle indicazioni delle varie Soprintendenze e che quindi il progettista ha dovuto più volte rivedere quello che era il suo progetto iniziale; lo dovrà fare ancora in corso d'opera a causa delle pressioni a cui sarà soggetto dalla sua committenza e dagli imprevisti che si presenteranno.

Anche da questo punto di vista nessuna obiezione è autorizzata, stante la accuratezza della relazione medesima.

A seconda del proprio gusto e della propria sensibilità artistico-architettonica ciascuno potrebbe dare un parere più o meno critico, più o meno adesivo: ma non è di questo che si discute.

Oggi possiamo solo fidarci di ciò che viene descritto nella relazione tecnica, diverso potrebbe essere il giudizio dopo il progetto esecutivo, calcolo statico, progetto della sicurezza; il compito che attende i progettisti e gli esecutori appare francamente difficile in quanto vanno rispettate tutte le prescrizioni imposte dalle Soprintendenze Architettonica ed Archeologica e confermate dalla Direzione Regionale e Ministero dei Beni Culturali.

CONCLUSIVAMENTE.

E' sembrata onestamente eccessiva la grande preoccupazione sulla necessità di “difendere” il Duomo, dettata certamente da passione disinteressata per un bene storico.

I custodi dei beni Architettonici che tanto fanno per la salvaguardia dei nostri beni sono stati utilmente interpellati.

Toccherà adesso agli organi tecnici di tutela strutturale degli immobili.

Sentiremo quale sarà l’opinione del Genio Civile.

Non c’è materia per altre iniziative.

IL GRANDE DIFETTO DEL PROGETTO.

Questo progetto ha un evidente, grande vizio.

Attribuibile in massima parte alla Amministrazione Civica ed in parte alla Curia Vescovile.

Alla presentazione della richiesta di autorizzazione da parte della Curia (che avrebbe fatto bene a rendere pubblico il progetto e ad esporlo in evidenza nel Duomo), noi avremmo raccolto le osservazioni degli organi tecnici comunali e sottoposto l’incarto alle competenti commissioni comunali per il parere;

messo a disposizione del Consiglio Comunale, appositamente convocato, questa documentazione;

fatto esprimere consultivamente la massima assise comunale, consentendo – quindi – ampia pubblicità e completa conoscenza di quanto richiesto dalla Curia.

Poi avremmo riunito la Giunta e deciso.

Lasciando pochi margini per sterili polemiche e ampliando la platea di quanti sarebbero stati a conoscenza diretta e corretta dell’argomento.

Non so se, a cose fatte, a polemiche scatenate, a preconcetti artatamente costruiti nelle menti di quanti al tema di sono avvicinati, sia possibile oggi recuperare questo terreno perduto.

Né so se sarebbe concretamente utile.

 

Commenti 

 
0 # dott.Saverio Spicciariello 2013-05-28 16:00
concordo in tutto sui tempi e sul metodo di esecuzione del lavoro; discutibile il comportamento dei tecnici del comune e della mancata informazione al popolo di Cerignola. Auspicabile la vera realizzazione e plaudo all'iniziativa del vescovo. Unico appunto è la data del primo progetto di realizzazione del duomo, che è avvenuta dopo la morte di Tonti dopo il 1855.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # architetto 2 2013-05-28 22:15
Bufano ma sei amico di Dileo???? Prima dite che sono invasivi, mobilitate gli architetti, create panico e poi ci venite a dire che va tutto ok???? Ci siete o ci fate? O meglio, non è che dovete "conquistare" qualcuno????'
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # sala bingo 2013-05-28 22:17
Scommettiamo che qualche altro architetto si allinea???? Aperte le scommesse....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Don Clementino Ortolano 2013-05-29 06:30
Voi de "la cicogna" siete scaduti come lo yogurt, su determinate tematiche impopolari, vi pronunciate sempre dopo il consolidamento dei vostri sondaggi. Ora probabilmente vi fa comodo elettoralmente dire "si" alla Curia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Vito De Meo 2013-05-29 12:00
Sono profondamente amareggiato dalle parole dell'architetto in questione. Una persona da sempre molto vicina e interessata alle attività della locale sede Archeoclub.
Così Bufano rischia solo di piegare tutto alla strumentalizzazione politica e questo di per sé è un'oscenità. Anche in termini "politico-elettorali" questi movimenti, così come si stanno comportando, sono destinati al fallimento totale. I miei saluti a tutti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # Tommaso Bufano 2013-05-29 16:27
Mi dispiace per la sua amarezza. Continuo ad essere attento a quanto ha fatto e fà la sede locale dell'Archeoclub. Ciò non significa che tutto ciò che i responsabili affermano in materia di salvaguardia di beni architettonici sia tutto condivisibile. Non mi esprimo sulla seconda parte del suo commento.
Con stima immutata. Tommaso Bufano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+1 # ihihihihhih 2013-05-29 13:55
o ci avete rotto con sta cosa del Duomo. le firme tutte le sere con il banchetto, Cerignola insozzata di volantini e di manifesti. ma pensate alle cose serie ai problemi veri mo che non vi caga nessuno date la colpa alla cicogna? e il pd che dorme? e l'amministrazione che ha dato l 'ok? ma sciotavenn toutt quand.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Prrrrrr 2013-05-29 15:41
La cripta sì, la cripta no... Ma chissenefotte!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # fumetti 2013-05-29 15:44
quest'anno non vedremo fumetti di gente in mutande nei pressi del duomo?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # VOX POPUPI VOX DEI 2013-05-30 07:04
Non avete ancora capito che i lavori al Duomo non sono graditi dalla popolazione. Quelli che parlano a favore sono solo gli apparati della chiesa e chi ha interesse per vari motivi!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Pinuccio Bruno 2013-05-30 07:19
(prima di tre parti)
Onestamente, devo dire che non sono affatto dispiaciuto del contenuto e del tenore della relazione dell’Arch. Tommaso Bufano. La trovo davvero qualificante. La parte non tecnica rispecchia tutto sommato la mia posizione, peraltro già espressa quando il problema era apparso per la prima volta su questa testata.
Per coerenza, il m.p. La Cicogna dovrebbe ora chiedere una seduta straordinaria del consiglio comunale per discutere dell’argomento.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Pinuccio Bruno 2013-05-30 07:21
(seconda di tre parti)
Trovo alquanto discutibile sul piano politico il tardivo (eccessivo) pronunciamento del m.p. La Cicogna sul problema eludendo, altresì l’impegno assunto del suo Presidente, il quale affermava che avrebbe espresso la sua opinione, evidentemente in duplice veste, all’indomani della conferenza stampa tenuta da Don Carmine Ladogana (seduta tenuta , come noto, molto tempo fa). Questo ritardo fa nascere in maniera fisiologica il dubbio o la certezza nei lettori sulla posizione sin qui tenuta dalla stessa La Cicogna. Personalmente sento ,quindi, di condividere il suddetto commento redatto dal commentatore anonimo dallo pseudonimo “Don Clementino Ortolano” perché non fa una piega.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Pinuccio Bruno 2013-05-30 07:26
Terza ed ultima parte)
Colgo qui l’occasione per fare una domanda al Sig. Vito De Meo. Intanto, dico che è mia convinzione che i partiti fino a quando avranno al loro interno oligarchie consolidate che esprimono la loro incontrastata egemonia di potere ( vedi il loro silenzio sull’argomento), i movimenti politici nazionali e soprattutto locali continueranno a pullulare. Desidererei,quindi, comprendere meglio dal Sig. De Meo, se mi legge, le ragioni della sua convinzione che contrasta in maniera palese contro la mia. Insomma, perché i movimenti sono destinati a fallire?
Lo ringrazio anticipatamente.
30-5-2013
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # jonny stecchino 2013-05-30 12:00
Ma il consiglio comunale si fa o no?
Mo pure la cicogna si fa i conti ed appoggia il vescovo.
Fine di un movimento che nonprotesta più?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # renziteo 2013-05-30 17:06
madò che faccia brutt ca tin!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Leo 2013-05-30 21:53
Si, si è proprio un argomento che non interessa a nessuno e che non è una priorità oggi per i prob della città (ma di che si dovrebbe occupare un'associazione per la tutela e valorizzazione del patrimonio culturale? Della disoccupazione o della crisi dell'agricoltura ?mah!). Nel frattempo questo per ora è l'articolo più commentato! È non solo dai cicognini insensibili!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
+2 # cittadino 2013-05-31 08:52
Si discute della cripta del Duomo, i gli stipendi non pagati delle scuole paritarie religiose di Cerignola.E su questo che diciamo?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # LEONE2 2013-05-31 09:21
CARO PINUCCIO BRUNO. ANCORA UNA VOLTA PARLI DEI PARTITI E DEI LORO SILENSI.CONSIDERATO CHE TU PARLI SEMPRE MI DICI COS'HAI OTTENUTO.OGNUNO HA IL SUO MODO DI FARE E DI ESPRIMERSI E NON E' DETTO CHE PER FORZA DEBBA FAR CONOSCERE IL PROPRIO PARERE. TIENI SOLO PRESENTE CHE IL DUOMO E' DEI CERIGNOLANI E NON DELLA CHIESA E NON SARA' UN VESCOVO A FARE DEL DUOMO QUELLO CHE LUI TIENE OPPORTUNO DI FARE.VAI IN GIRO A SENTIRE COSA NE PENSA LA GENTE DI QUESTO VESCOVO.CI SONO QUELLI CHE SI DEFINISCONO LECCA S..... E CE NE SONO MOLTI. CIAO CON AFFETTO
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
0 # Aiden 2017-03-28 19:38
I am regular reader, how are you everybody? This piece of writing posted at this site is really good.


my weblog ... auto
locksmith near Me: https://goo.gl/maps/otPqPctDbpL2
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Marchiodoc.it si riserva di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che siano illeciti, diffamatori e/o calunniosi, volgari, lesivi della privacy altrui, razzisti, classisti o comunque reprensibili; che contengano promozioni relative a religioni o sette, movimenti terroristici o estremistici e contenuti ispirati da fanatismo, razzismo, odio o irriverenza; che possano arrecare danno, in qualsivoglia modo, a minori d’età; che forniscano informazioni riservate, confidenziali anche apprese in forza di un rapporto di lavoro o di un patto di riservatezza; che contengano dati personali o numeri telefonici propri e di terzi; che siano lesivi di brevetti, marchi, segreti, diritti di autore o altri diritti di proprietà industriale e/o intellettuale di terzi soggetti; che abbiano contenuti di natura pubblicitaria e più in generale che utilizzino i messaggi a scopo commerciale (promozione, sponsorizzazione e vendita di prodotti e servizi); che comunichino utilizzando messaggi in codice; che utilizzino un linguaggio scurrile o blasfemo.
I contenuti dei singoli commenti del blog rappresentano il punto di vista dell’autore, che se ne assume tutte le responsabilità assolvendo Marchiodoc.it da qualsiasi responsabilità. I commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio saranno rimossi.
Il sito si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.
I contenuti dei singoli post del blog rappresentano il punto di vista dell’autore.
Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.
L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte.

Codice di sicurezza
Aggiorna

Altre Notizie