Carapelle – Voleva far saltare l’intero condominio: arrestato

Quello che in un primo momento era sembrato alle forze dell’ordine un tentato suicidio, si è rivelato in realtà qualcosa di molto più complesso e pericoloso.

I fatti risalgono allo scorso 23 Febbraio quando V.M, 72enne di Carapelle, ha saturato il proprio appartamento di gas: Carabinieri e Vigili del Fuoco erano intervenuti allertati dal forte odore che si sprigionava dall’appartamento e avevano evitato il peggio.
Inizialmente ritenuto incapace di intendere e di volere, il soggetto aveva accettato di essere ricoverato presso il reparto di Psichiatria degli Ospedali Riuniti, ma la sproporzione dell’atto ha indotto le forze dell’ordine ad indagare sull’avvenuto.
Le indagini, infatti, hanno accertato che l’atto era stato premeditato utilizzando addirittura 6 bombole di gpl nel tentativo di coinvolgere tutto il condominio.

Venerdi scorso, 22 marzo, i carabinieri della Compagnia di Foggia hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale del capoluogo dauno: ora dovrà rispondere di atti persecutori e strage.
Contestualmente, il Comune di Carapelle ha provveduto a revocare l’assegnazione dell’appartamento per inadempienze contrattuali.

L’arrestato già nel 1983 era stato condannato a nove anni di carcere per un omicidio commesso al culmine di una lite con altri coinquilini dello stabile popolare dove risiedeva.



Seguici e condividi i nostri contenuti
Facebook
Facebook
Google+
http://www.marchiodoc.it/2.0/2019/03/25/592/
Twitter
YouTube

Commenta questo articolo